Elezioni regionali, le proposte di Legambiente e le risposte dei candidati alla presidenza - QdS

Elezioni regionali, le proposte di Legambiente e le risposte dei candidati alla presidenza

web-la

Elezioni regionali, le proposte di Legambiente e le risposte dei candidati alla presidenza

web-la |
venerdì 23 Settembre 2022 - 17:12

Le proposte di Legambiente e la risposta dei candidati alla presidenza della Regione Sicilia, al voto il 25 settembre

“Innanzitutto ci dispiace molto che, malgrado la nostra insistenza, l’on. Schifani non ci abbia fatto avere le sue risposte. Avrà avuto sicuramente cose più importanti da fare e/o ha preferito non esporsi. Speriamo, qualora fosse eletto, che non condanni la Sicilia per i prossimi 5 anni al limbo e all’incertezza su temi decisivi per il futuro di tutti noi. Grazie agli altri 4 candidati di aver accettato la nostra sfida”.

Lo dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia in merito alle risposte dei candidati a Presidente, che continua “Complessivamente notiamo che è sempre molto difficile per un politico, e soprattutto per un candidato, rispondere in modo secco, sì o no: comunque abbiamo apprezzato lo sforzo, magari in alcuni non la sintesi. Se dovessimo dare un voto che segni la condivisione delle nostre proposte contenute nelle 18 domande, considerando anche il modo con il quale hanno risposto, che fa capire l’impegno che ci hanno messo e che stanno sicuramente mettendo nell’illustrare il loro programma in campagna elettorale, abbiamo Armao che non raggiunge la sufficienza per poco e Di Paola che invece supera il 9, con nel mezzo De Luca e la Chinnici che stanno sotto e sopra il 7. Sia chiaro che questa NON è un’indicazione di voto, ma solo una nostra valutazione su quello che ci hanno scritto i candidati. Se qualcuno vuole farsi una propria opinione potrà consultare nel nostro sito per intero le risposte ricevute”.

Le richieste di Legambiente

Tutti i candidati vogliono, per fortuna, accelerare sulle rinnovabili e sulla transizione energetica, anche se, purtroppo, non hanno la stessa determinazione nel dire NO a nuove trivellazioni;

Ferma difesa del territorio, completamento dei piani paesaggistici e istituzione di nuovi e seri parchi archeologici per Armao, Chinnici e Di Paola, che vogliono anche altre aree protette, per le quali invece De Luca non si vuole spendere molto se non come “decoro” a altre politiche di gestione del territorio. Contrari, in modo chiaro e netto, a sanatorie e condoni edilizi Chinnici, De Luca e Di Paola, mentre Armao aggiunge una schiacciata d’occhio a chi ha già compiuto abusi edilizi,

De Luca si schiera favorevolmente in modo netto con le nostre 2 proposte sugli incendi, mentre gli altri preferiscono parlare della necessaria riforma del settore;

tutti vogliono regolamentare la caccia, perfino De Luca, che in campagna elettorale lancia invece inutili slogan propagandistici a favore dei cacciatori;

Tutti e quattro ritengono che sia indispensabili realizzare nel più breve tempo possibile gli impianti per gestire i rifiuti e per favorire l’economia circolare, ma Armao, seppure non richiesto, si schiera per i 2 inceneritori;

L’agricoltura biologica

Così come si ritrovano d’accordo per sostenere ed estendere l’agricoltura biologica, fermare l’uso dei pesticidi e applicare finalmente la legge regionale sull’acqua pubblica, disattesa da 7 anni;

E sono pure d’accordo, e in modo deciso, perché finalmente le concessioni demaniali siano precedute dall’approvazione da parte dei Comuni dei PUDM;

Infine, sul Ponte sullo Stretto c’è il pieno sostegno di Armao e De Luca, mentre rinviano un’eventuale decisione sia la Chinnici e Di Paola.

“È stata un’utile iniziativa, che ha cercato di mettere al centro di questa anomala campagna elettorale contenuti e proposte per delineare un futuro sostenibile per la nostra Isola e per noi che l’abitiamo. I temi che abbiamo posto – conclude Zanna – hanno sicuramente più o meno forza e/o importanza, ma sicuramente sono tutti argomenti che si tengono insieme, che delineano una Sicilia che oggi ancora non c’è e per la quale la Legambiente con fiducia, determinazione e tenacia continuerà a battersi per averla prima possibile”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684