Francesco Bocciardo, oro a Tokyo 2020 si racconta in esclusiva a Qds - QdS

Francesco Bocciardo, oro a Tokyo 2020 si racconta in esclusiva a Qds

web-j

Francesco Bocciardo, oro a Tokyo 2020 si racconta in esclusiva a Qds

web-j |
giovedì 23 Settembre 2021 - 10:33

L’atleta azzurro ha conquistato la medaglia d’oro sia nei 100m sia nei 200m stile libero S5 e la medaglia d’argento nei 4x50m stile libero misto.

Francesco Bocciardo è stato uno dei protagonisti delle Paralimpiadi di Tokyo 2020.

L’atleta azzurro ha conquistato la medaglia d’oro sia nei 100m sia nei 200m stile libero S5 e la medaglia d’argento nei 4x50m stile libero misto.

Per Bocciardo è stata la terza volta ai Giochi Olimpici, dopo la conquista della medaglia d’oro a Rio 2016 nei 400m stile libero S6.

Genovese, classe ’94, Francesco Bocciardo è nato con una diplegia spastica e si è avvicinato al nuoto per finalità terapeutiche.

La passione per questo sport e la possibilità di gareggiare sono arrivate dopo. Ad oggi, Bocciardo vanta la medaglia d’oro ai mondiali di Glasgow del 2015 nella gara dei 400 m stile libero, una medaglia d’oro ed una di bronzo agli europei di Funchal del 2016, cinque medaglie agli Europei di Dublino del 2018 e cinque medaglie ai mondiali del 2019, oltre le medaglie conquistate ai Giochi Olimpici.

Francesco, Olimpiadi di Tokyo 2020. Medaglia d’oro nei 100m e 200m stile libero S5 e medaglia d’argento nella staffetta 4x50m stile libero misto. Come la vivi?

Sono molto contento e soddisfatto. Quando sono partito non speravo di riuscire a raggiungere questi risultati. È andato tutto nel migliore dei modi.

Sto cercando di metabolizzare tutte le emozioni di Tokyo perché, comunque, non è semplice tornare alla mia vita di tutti i giorni.

A differenza di Rio2016, ti sei scommesso su lunghezze diverse. Perché questa scelta?

Il cambio di distanze è stato obbligatorio perché a seguito della revisione, facciamo le gare in base alla nostra classe di disabilità. Essendo cambiata la mia classe, sono cambiate le distanze che potevo fare. Adesso le distanze più lunghe per me non sono i 400m, ma sono i 200m.

È stato un cambio decisivo, di sicuro non semplice. Ci abbiamo lavorato tantissimo, ma siamo arrivati a grandissimi risultati.

Negli anni sono riuscito a crescere anche dal punto di vista tecnico.

Quanto ha influito l’anno in più d’attesa a causa della pandemia?

È stato un anno duro perché oggettivamente a me ha pesato molto. Stare fermo diversi mesi in parte mi ha condizionato. Alla fine siamo riusciti a fare tutto al meglio. Magari avrei voluto fare meglio sui 100m rana e in stile libero. Abbiamo dovuto concentrarsi su altro a seguito dello stop per la pandemia. Mi ritengo molto più che soddisfatto.

Leggevo che all’inizio della tua carriera, la vittoria non arrivava. Oggi, col senno di poi, sai perché non eri competitivo?

Ho dovuto aspettare degli anni prima di vedere i frutti del mio duro lavoro. Non è stato semplice. Ho anche cambiato allenatore e allenamenti. Ho migliorato la tecnica. Sono anche maturato. C’è voluto del tempo. Si sono affiancate più persone che hanno preso parte del mio team e che mi hanno supportato e guidato. Non è stato semplice e non nego che ci sono stati momenti in cui ho pensato di smettere, ma sono contento di non avere mollato.

Menomale che non hai mollato…guarda cosa hai raggiunto

Sì, sono contento di non aver mollato, ma adesso cercherò di promuovere sempre di più il movimento nella mia Regione e a livello italiano. Queste Paralimpiadi hanno dimostrato quanto fatto in questi anni e non bisogna mai fermarsi. Se vogliamo rimanere nella top ten, dobbiamo sforzarci di migliorare costantemente anche noi, anche se siamo già ad un livello altissimo.

Secondo te cosa è necessario fare per portare avanti quanto fatto alle Paralimpiadi?

Bisogna dare attenzione dal punto di vista mediatico e sta succedendo. Promuovere il movimento e far sì che cresca sempre di più, bisogna lavorare molto sull’avviamento, soprattutto nelle scuole con i giovani e i giovanissimi per fare in modo che scoprano il movimento paralimpico. Purtroppo ancora oggi ci sono molti giovani che non sanno cosa sia lo sport paralimpico o che possono trovare uno sport vicino casa loro.

Dall’altro lato bisogna investire risorse per la formazione di tecnici competenti. Secondo me, peggio di non far fare ai ragazzi con disabilità sport c’è fargli fare sport in modo sbagliato, rischiando di farsi male.

Un altro aspetto è la concessione di contributi, oltre a livello nazionale, anche a livello regionale per poter acquistare protesi, carrozzine e tutto il materiale necessario per fare sport. Ultimo, ma non meno importante: dare dei sostegni concreti a quelle società che magari non hanno un settore paralimpico. In questo modo, il movimento potrebbe crescere ancora di più e prepararsi a fare il salto di qualità.

Come hai vissuto l’attenzione da parte dei media?

È sempre piacevole e molto bello! Ho partecipato alla mia prima Paralimpiade che si è svolta a Londra, la prima volta che la Rai ha trasmesso i Giochi. È stato lì il punto di inizio per me. Gli italiani hanno scoperto gli sport paralimpici e da lì si è andati a migliorarsi anno dopo anno. Oggi siamo sempre più cercati e più conosciuti. Capita sempre più spesso la gente per strada che mi riconosce. È una cosa bella perché fa capire che gli italiani hanno guardato le Paralimpiadi e iniziano a conoscermi e ad apprezzarle. Non è un punto di arrivo, però ci fa capire che stiamo lavorando bene.

Lo sforzo e l’impegno degli atleti è fondamentale per far conoscere il nostro movimento. Poco per volta ce la possiamo fare.

Parlavi dei giovani e lo sport che può essere un modo per scoprirsi. Nel tuo caso, il nuoto è entrato nella tua vita con una funzione terapeutica, ma lo hai abbracciato per la vita. Cosa ti piace del nuoto?

Più che altro mi sono scoperto molto competitivo. Inizialmente praticavo il nuoto a scopo riabilitativo, in seguito competere contro i miei avversari mi piaceva. Da lì ho sempre cercato di migliorarmi e ho lavorato su me stesso e a fare le gare. Inoltre, fino al 2010 io non sapevo cosa fosse il movimento paralimpico. Fondamentalmente, il primo avversario siamo noi stessi. L’importante è ricordarselo sempre quindi cerco di combattere contro il tempo che avanza.

Che rapporto hai con la sconfitta, allora?

Penso che a nessun atleta piaccia perdere. È una parte importante della vita di ogni atleta. Le sconfitte avute mi sono servite tantissimo perché ho riflettuto e imparato così raggiungendo nuovi stimoli.

Chi è Francesco Bocciardo nella vita di tutti i giorni?

Oltre un nuotatore, sono anche un fidanzato, un amico. Lavoro presso Regione Liguria, nel settore sport occupandomi della promozione dello sport a 360 gradi. Mi piacciono molto i film storici, i fantasy. Mi piacciono molto gli anime e i manga. Infatti, se non ci fosse stata la pandemia, mi sarebbe tanto piaciuto andare in giro per Tokyo, ma non è stato possibile anche perché la cultura giapponese è bellissima e ricchissima. Spero di tornare in Giappone anche da solo per conoscere meglio questo fantastico paese. Mi ritengo una persona molto curiosa. Mi piace studiare e imparare cose nuove.

È presto parlare di progetti futuri, ma cosa si prospetta?

Di sicuro adesso cercherò di prepararmi per i Mondiali del prossimo anno che saranno a giugno. È complicato riuscire a riconfermarsi, ma ci proveremo.

Sento un’insicurezza: fa parte del tuo carattere o è superstizione?

Un po’ tutti e due. Fino a oggi mi sono concentrato tanto sul nuoto, ma certi aspetti saranno più importanti come la mia famiglia o costruire una famiglia. Il nuoto, poco per volta, potrebbe anche venire dopo.

Se dovesse succedere qualcosa più importante del nuoto come la mia famiglia o la mia ragazza, sono anche disposto a mettere in secondo piano il nuoto. È ovvio che cercherò di fare tutto insieme.

L’idea di Parigi 2024 c’è?

Sì, però bisogna vedere se sarò competitivo. Ci sono tantissime altre incognite.

Hanno definito gli atleti paralimpici supereroi: ti ci senti?

No, secondo me bisogna andare oltre il concetto di supereroi o del superdisabile. Noi atleti paralimpici vinciamo delle medaglie, ma non siamo supereroi né persone eccezionali. Ciò che siamo riusciti a fare noi, lo può fare chiunque. Ci vuole però impegno e dedizione, altrimenti si corre il rischio di pensare che ce l’abbiamo fatta perché siamo eccezionali. Bisogna far capire che tutti possono fare sport. Non tutti diventeranno dei campioni, ma perché precludersi la possibilità di fare sport o di fare nuove esperienze e di conoscere qualcosa di bellissimo?

Sandy Sciuto

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684