Garanzia giovani, più fondi stanziati ma ‘paga’ più bassa - QdS

Garanzia giovani, più fondi stanziati ma ‘paga’ più bassa

redazione

Garanzia giovani, più fondi stanziati ma ‘paga’ più bassa

venerdì 21 Giugno 2019 - 00:00
Garanzia giovani, più fondi stanziati ma ‘paga’ più bassa

PALERMO – “Il fatto positivo è lo stanziamento complessivo, che sale da 130 a 205 milioni di euro. Quello negativo è che la paga per i tirocini scende da 500 a 300 euro. Ancora una volta a farne le spese sono i giovani”. La Cgil Palermo e Nidil intervengono sull’approvazione da parte della giunta di Palazzo d’Orleans della fase due di “Garanzia Giovani”, il piano di occupazione della Regione Siciliana per favorire l’impiego dei disoccupati siciliani. Il sindacato osserva che, a fronte dell’aumento dello stanziamento, è diminuito invece il compenso per i tirocinanti.

“È un dato negativo – commentano il segretario Cgil Palermo Alessia Gatto e il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso – che l’indennità sia calata da 500 a 300 euro per una platea estesa, tra l’altro, a un pubblico non più di soli giovanissimi. Se Garanzia Giovani deve essere un’occasione per ridare speranza e rimettere in moto i Neet, non si può trasformare in un regalo alle imprese e in un peggioramento delle condizioni retributive dei giovani”. Solo per disabili e soggetti svantaggiati la paga è rimasta invariata.

Da qui la proposta di Nidil e Cgil, in vista della pubblicazione del bando pubblico da parte della Regione. “La richiesta immediata è che la Regione riveda la posizione e ripristini la somma iniziale, per evitare l’effetto dumping su un mercato del lavoro già precario e asfittico e il fenomeno degli stage truffa che mascherano lavoro subordinato”, proseguono Gatto e Gattuso.

“In alternativa, chiediamo che le aziende ospitanti vengano responsabilizzate e che la Regione prevede la loro compartecipazione con una quota, in modo da innalzare l’indennità dei tirocinanti fino a 500 euro, come era in passato”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684