A Gela è scontro sulla discarica e il sindaco chiede più chiarezza - QdS

A Gela è scontro sulla discarica e il sindaco chiede più chiarezza

Liliana Blanco

A Gela è scontro sulla discarica e il sindaco chiede più chiarezza

martedì 21 Giugno 2022 - 08:43

La decisione di aprire le porte di Timpazzo all’immondizia che proviene da altre parti dell’Isola ha creato in città ulteriori timori sulla tenuta futura del sito e sulla sua capienza complessiva

GELA (CL) – Ancora una volta, il territorio gelese si è guadagnato il titolo di pattumiera della Sicilia. Nei giorni scorsi, infatti, il dirigente generale del Dipartimento Acqua e rifiuti della Regione, Calogero Foti, ha emesso una direttiva con cui ha confermato che nella discarica pubblica gelese potranno essere accolte fino a 950 tonnellate di rifiuti al giorno, alleggerendo così la crisi che sta interessando molte zone della Sicilia.

Nella discarica di Gela fino a 950 t al giorno

Una decisione che ha scatenato nuove polemiche, anche perché per l’ennesima volta il territorio è stato tirato in ballo per trovare una soluzione al problema dei rifiuti siciliani. Il dato oggettivo è che l’emergenza c’è e l’immondizia da qualche parte deve essere conferita.

“Ancora una volta – ha detto il sindaco Lucio Greco – siamo costretti a spiegare che nessuno vuole venir meno al principio di solidarietà con le città della Sicilia che conferiscono in discariche in difficoltà, ma esistono anche le esigenze dei comuni del nostro Ambito di non essere costretti, una volta esaurita la discarica di Timpazzo, a trasferire i rifiuti lontano dalla Sicilia, con tutti i costi e i disagi che ne derivano, e penso siano altrettanto legittime”.

Il Tar ha sospeso la possibilità di conferire senza limiti

“Per l’ennesima volta – ha concluso il primo cittadino gelese – dev’essere il nostro territorio a salvare la Sicilia da un’emergenza rifiuti in piena estate. Si parla addirittura di diffide, ma nessuno può andare contro il Tar, neanche la Regione. E il Tar ha sospeso la possibilità di conferire senza limiti. Pertanto, voglio capire, alla luce di questa nuova situazione di emergenza, cosa vuole fare la Srr, come si vuole muovere e se sta facendo rispettare l’ordinanza”.

“Voglio sapere – ha concluso Greco – se il soggetto gestore degli impianti abbia adeguatamente vigilato, garantendo le esigenze dei territori dei comuni soci ed evitando il continuo andirivieni di grossi tir stracolmi di spazzatura altrove impediti”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684