Geografia maltrattata sui banchi di scuola - QdS

Geografia maltrattata sui banchi di scuola

Lucia Russo

Geografia maltrattata sui banchi di scuola

mercoledì 23 Ottobre 2019 - 00:00
Geografia maltrattata sui banchi di scuola

La Geografia è una delle materie che da adulti spesso ci pentiamo di non avere studiato abbastanza a scuola

La Geografia è una delle materie che da adulti spesso ci pentiamo di non avere studiato abbastanza a scuola. Eppure la normativa scolastica negli ultimi dieci anni l’ha proprio maltrattata, riducendone le ore di insegnamento. Con la riforma Gelmini, tra il 2008 e il 2010, non solo nelle scuole elementari e medie le ore settimanali dedicate alla Geografia sono state ridotte da tre a due, ma anche alle Superiori c’è stata una forte riduzione. Si pensi che ormai nel primo biennio dei Licei essa si studia insieme alla Storia, con la conseguenza che nelle tre ore alla settimana dedicate a “GeoStoria”, la Geografia risulta sempre penalizzata, perché tendenzialmente i professori dedicano maggior tempo alla Storia.

Con il Decreto legislativo 61/2017, attuativo della legge sulla Buona Scuola, nell’ambito della revisione degli Istituti Professionali, che ha dato centralità agli assi culturali e rinforzato l’organizzazione didattica per Una (Unità di apprendimento), la Geografia ha riconquistato dignità diventando parte integrante dell’asse “storico sociale”. Poi, la Nota Miur n. 6.913 del 19 aprile 2018 ha fatto sì che negli istituti professionali la materia sia garantita e assegnata alla classe di concorso A21.

Negli Istituti Tecnici, invece, la situazione è ancora critica, perché, come denuncia l’Associazione italiana degli insegnanti di Geografia nata nel 1953, permangono distinzioni di attribuzione della Geografia sulla base dell’indirizzo. Solo negli Istituti tecnici per il turismo la Geografia è assegnata alla classe A21. In tutti gli altri indirizzi dell’Istituto Tecnico, l’allegato A del D.M. 259/2017 prevede ancora la residuale possibilità di attribuire la Geografia ai docenti di Scienze, generando confusione e penalizzando una materia che è come una bussola in tutto l’arco della nostra vita. La conoscenza della Geografia è necessaria nel lavoro, ma anche nel tempo libero. Perché viaggiare non può prescindere dalla conoscenza della morfologia del territorio, della densità della popolazione e delle caratteristiche economico-sociali delle principali città dei vari Paesi del Mondo.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684