Giovane trans aggredita a Catania, Arcigay "Urgente approvare Ddl Zan" - QdS

Giovane trans aggredita a Catania, Arcigay “Urgente approvare Ddl Zan”

web-dr

Giovane trans aggredita a Catania, Arcigay “Urgente approvare Ddl Zan”

web-dr |
giovedì 20 Maggio 2021 - 16:23

L'aggressione, che per l'Arcigay è di natura transfobica, è avvenuta il 2 maggio scorso davanti a un noto locale della movida etnea.

Un giovane ha rotto la mascella a
una trans ventenne di Catania, colpendola con un pugno al volto.

L’aggressione, che per l’Arcigay è di natura transfobica, è avvenuta il 2 maggio scorso davanti a un noto locale della movida etnea. La vittima, che ha paura ad uscire di casa, dopo essere stata medicata in ospedale, ha denunciato l’accaduto ai carabinieri e poi ha postato la sua foto dopo l’aggressione su Instagram.

“Circa due settimane fa – ha
scritto sul suo profilo social – sono stata assalita da un ragazzo bianco,
eterosessuale e cisgender senza alcun motivo apparente, ma a quanto pare anche
questo non è abbastanza per far sì che si approvi il Ddl Zan. E’ successo di
sera e se siete di Catania immagino che sappiate quanto il locale sia affollato
di solito, nessuno è intervenuto.
Spero che la persona che mi ha aggredita venga fermata perché c’è il rischio
che faccia del male a qualcun altro”.

L’Arcigay di Catania ha “offerto supporto psicologico e legale” alla vittima, dicendosi “disponibile a seguire tutto l’iter per fare in modo che l’aggressore non resti impunito”.

“Questo ennesimo atto di violenza verso una persona della nostra comunità – ha affermato il presidente dell’associazione, Armando Caravini – è la prova di quanto sia urgente l’approvazione del disegno di legge Zan. La violenza subita non è per futili motivi, ma per odio verso una persona che esprime il suo vero essere. Tutto ciò è inaccettabile. Chi si è reso protagonista di questa violenza merita di essere educato e punito per ciò che è: un omofobo fuori dalla civiltà”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684