Incendi, apprezzamento per Stato d'emergenza in Sicilia - QdS

Incendi, apprezzamento per Stato d’emergenza in Sicilia

redazione web

Incendi, apprezzamento per Stato d’emergenza in Sicilia

venerdì 27 Agosto 2021 - 06:21

Il presidente della Regione Musumeci ringrazia il Consiglio dei ministri per aver accolto la richiesta della Giunta regionale. I ministri Gelmini e Patuanelli, ora risorse per i territori colpiti

“Accogliamo con favore ed esprimiamo apprezzamento per la dichiarazione, da parte del Consiglio dei Ministri, dello Stato d’emergenza richiesto dal governo siciliano per i terrificanti incendi che hanno colpito e continuano a colpire la nostra Isola.

Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, con l’auspicio “che adesso possano arrivare, quanto prima, le risorse finanziare necessarie a sostenere le tante aziende danneggiate”.
Musumeci ha assicurato che “anche la Regione farà la sua parte, con le procedure già avviate dal dipartimento della Protezione civile”.

“L’estate – aveva spiegato ieri Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie – ha visto molti territori colpiti da incendi, prevalentemente dolosi. E allora il primo provvedimento che abbiamo assunto in Consiglio dei ministri, alla ripresa, è la dichiarazione dello stato di emergenza per Sicilia, Sardegna, Calabria e Molise”.

Per il ministro delle Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, è trattato di “un primo step: ora c’è il mandato alla Protezione Civile per la messa in sicurezza dei territori e per i primi interventi economici, e poi i ristori alle attività produttive”.

“Questo significa – ha aggiunto Gelmini – più risorse per i territori colpiti, ma significa soprattutto non lasciare soli quei cittadini che hanno avuto danni ingentissimi: che hanno perso la casa, l’azienda, il bestiame, i sacrifici di una vita. Stiamo lavorando anche all’interno della Conferenza Stato-Regioni per favorire una sinergia e una collaborazione per una prevenzione più forte in vista della prossima stagione. Dobbiamo, evidentemente, prevedere sanzioni più pesanti per i piromani. Dobbiamo lavorare, e lo stiamo già facendo, per mettere in sicurezza e per tutelare la nostra bella Italia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684