Ismett2, il sindaco di Carini chiede un nuovo confronto - QdS

Ismett2, il sindaco di Carini chiede un nuovo confronto

Vincenza Grimaudo

Ismett2, il sindaco di Carini chiede un nuovo confronto

giovedì 13 Gennaio 2022 - 09:46

Il primo cittadino, Giovì Monteleone, ha chiesto ai soggetti coinvolti nel progetto la riattivazione della Cabina di regia per affrontare potenziali criticità legate alla realizzazione dell’opera

CARINI (PA) – Nella prossima primavera del 2022 è prevista la posa della prima pietra. Tutto sembrava essere discusso e oramai fatto. Invece è arrivato il colpo di scena: l’Ismett 2, prima ancora di nascere, potrebbe avere dei problemi di natura tecnico-progettuale.

È stato il sindaco carinese, Giovì Monteleone, a porre dubbi sulla faraonica opera sanitaria. Il primo cittadino ha deciso di scrivere a enti pubblici e privati, interessati a vario titolo alla costruzione, per sollecitare la riattivazione della Cabina di regia costituita in epoca pre-Covid e affrontare tutte le problematiche relative alle infrastrutture che devono servire il Rimed Ismett 2 che sta sorgendo a Villagrazia di Carini.

“La zona – ha detto il sindaco – è storicamente interessata da problemi di ordine idrografico e smaltimento delle acque piovane ed è logico pensare per tempo alle soluzioni necessarie ove dovessero presentarsi”.

La lettera del primo cittadino, indirizzata al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, alla Direzione amministrativa dell’Ismett, all’Upmc Italy (ente gestore dell’Ismett) e al Renzo Piano Building Workshop (demandato alla progettazione), ha lo scopo di sensibilizzare le istituzioni coinvolte per rimettere in tempo attorno al tavolo tecnico Comune di Carini, Genio civile, Anas, Città Metropolitana, Ferrovie dello Stato e i soggetti che si occupano della realizzazione dell’ospedale, per individuare “potenziali criticità legate al contesto territoriale in cui l’opera dovrebbe sorgere”.

Secondo cronoprogramma, come accennato, i cantieri prenderanno il via entro la prossima primavera 2022. A essere realizzato sarà un nuovo polo con le stesse caratteristiche dell’Ismett palermitano, il centro trapianti all’avanguardia e di eccellenza nel panorama della sanità italiana. L’investimento è pari a 186 milioni di euro da parte della Regione, altri fondi saranno aggiunti dall’Upcm.

“Ho chiesto la riattivazione della Cabina di regia – ha aggiunto Monteleone – al presidente Musumeci a Roma, durante l’evento di presentazione dell’ospedale Ismett2 che sorgerà a Carini”. La Cabina serve per il “coordinamento delle attività, anche programmatorie, di competenza delle varie amministrazioni pubbliche e dei soggetti privati coinvolti a vario titolo nella realizzazione del progetto, in assenza della quale la realizzazione dell’opera in argomento potrebbe essere messa in serio pericolo”.

“Inoltre – ha affermato il primo cittadino – considerato lo stato di avanzamento dei lavori sarebbe opportuno cominciare a pensare a progettare la viabilità per servire la zona, a partire dagli assi viari di accesso alla struttura che partono dalla vicina stazione Piraineto e dallo svincolo di Villagrazia di Carini della A-29 da una parte, e dall’altra quelli che partono dal centro abitato di Villagrazia”.

“Sono certo – ha concluso Monteleone – che questa ulteriore sollecitazione alle istituzioni preposte sarà presto presa con la dovuta attenzione, considerata l’importanza che l’infrastruttura Rimed Ismett2 riveste non solo per Carini ma per tutto il territorio siciliano, in modo da non correre il rischio di ritardare o peggio vanificare l’opportunità di dotare la Sicilia di una struttura di eccellenza”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684