Ispica, dallo spaccio in classe alle estorsioni: tre "baby criminali" finiscono in comunità - QdS

Ispica, dallo spaccio in classe alle estorsioni: tre “baby criminali” finiscono in comunità

web-mp

Ispica, dallo spaccio in classe alle estorsioni: tre “baby criminali” finiscono in comunità

web-mp |
venerdì 03 Giugno 2022 - 09:17

Determinante per l’esito dell’indagine è stata la collaborazione sia degli insegnanti che dei testimoni, compagni di classe della vittima

Una delicata indagine, condotta dalla Stazione Carabinieri di Ispica tra i mesi di febbraio e ottobre dello scorso anno, ha portato all’esecuzione di un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di tre giovanissimi ispicesi, ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e tentata estorsione continuata in concorso e rapina.

L’attività investigativa, avviata su input di una segnalazione pervenuta da un Istituto scolastico di Ispica e svolta attraverso i tradizionali metodi d’indagine, ha permesso di interrompere l’attività di spaccio di cocaina perpetrata da uno dei tre ragazzi ispicesi, tutti minorenni all’epoca dei fatti.

Lo spaccio di stupefacenti a scuola

Il minore avrebbe, infatti, tratto cospicui profitti dalla vendita dello stupefacente tra i propri coetanei, soprattutto all’interno dell’ambito scolastico.

Rapina ed estorsione ai compagni di classe

Tutti sono stati colpiti dal provvedimento cautelare per aver commesso, in più occasioni, i reati di rapina ed estorsione, proprio nei confronti di un loro coetaneo, per non aver pagato dopo l’acquisto di stupefacente.

La vittima dei baby criminali, perseguitata fino a casa

Una lunga serie di episodi minatori, anche nei confronti dei genitori della vittima, sfociati poi, nell’ottobre 2021, in un vero e proprio pestaggio nei confronti del ragazzo, commesso in pieno giorno all’esterno di un Istituto scolastico di Ispica.

In una occasione due dei tre giovani responsabili delle azioni criminose, si presentavano presso l’abitazione dei genitori della vittima minacciando ritorsioni nei loro confronti qualora il debito non fosse stato saldato paventando addirittura l’invio di altre persone; in altra occasione gli stessi minori, sotto minaccia di morte, si facevano consegnare da coetaneo “debitore” lo scooter a saldo di parte del debito.

Determinante per l’esito dell’indagine è stata la collaborazione sia degli insegnanti che dei testimoni, compagni di classe della vittima.

Per i tre soggetti il Tribunale per i Minorenni di Catania, su richiesta della Procura ha disposto la misura cautelare del collocamento in comunità.

Gli indagati sono stati pertanto tradotti presso tre distinte strutture fuori provincia ovvero lontano dal territorio di appartenenza.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684