L’Italia “costretta” a ritornare al carbone. Un’alternativa meno impattante? I rifiuti - QdS

L’Italia “costretta” a ritornare al carbone. Un’alternativa meno impattante? I rifiuti

redazione

L’Italia “costretta” a ritornare al carbone. Un’alternativa meno impattante? I rifiuti

Gabriele D'Amico  |
martedì 20 Settembre 2022 - 06:00

Non solo termovalorizzatori, scarti di produzione combustibile per alimentare le industrie pesanti. Ambrosetti: nel Paese un “tesoretto” di 8 mln di tonnellate che potrebbe generare 7 TWh

PALERMO – Centrali a combustibili fossili a pieno regime, centrali a fonti rinnovabili impantanate nella burocrazia, impianti di termovalorizzazione dei rifiuti bloccati da surreali lotte ideologiche tra partiti. È il paradosso tutto italiano che allontana sempre più il Paese non solo da una reale transizione ecologica ma anche da un’autonomia energetica che, in questo momento storico caratterizzato da guerre finanziarie e tradizionali, è necessaria più che mai.

CARBONE AVANTI TUTTA

Di fronte all’aumento del prezzo del gas e al rischio di rimanere dipendenti dalla Russia la transizione energetica può di fatto attendere. È chiaro analizzando il Piano nazionale di contenimento dei costi del gas pubblicato dal ministero della Transizione ecologica ad inizio settembre. L’atto di indirizzo consente alle centrali termoelettriche di marciare a tutta potenza. Con un incremento che dovrebbe aumentare di un 20-25% le stime di produzione di energia dalle grandi centrali a carbone e a olio, già attese a una produzione più che doppia rispetto al 2021.

Questa nuova misura, che riprende le previsioni del decreto 14 del 25 febbraio, consente di massimizzare la produzione degli impianti termoelettrici di potenza superiore a 300 megawatt. Impianti ben definiti in un breve elenco all’interno del Piano. Si tratta di sei centrali a carbone e una a olio. Quelle a carbone sono in quattro casi dell’Enel (a Fusina, Brindisi, Torrevaldaliga e Portovesme), una di Ep Produzione a Fiumesanto e una di A2a a Monfalcone. Sempre A2a possiede… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684