La coltivazione delle microalghe per la produzione di molecole utili alla trasformazione in biocombustibile - QdS

La coltivazione delle microalghe per la produzione di molecole utili alla trasformazione in biocombustibile

redazione

La coltivazione delle microalghe per la produzione di molecole utili alla trasformazione in biocombustibile

domenica 27 Ottobre 2019 - 00:00
La coltivazione delle microalghe per la produzione di molecole utili alla trasformazione in biocombustibile

Organismi vegetali unicellulari che vivono riuniti in colonie. Sempre più usati per produrre integratori alimentari o per produrre energia rinnovabile. Nei laboratori dell’Istituto tecnico Biotecnologie ambientali “Montalcini” di Gagliano Castelferrato ci si occupa anche di crescita algale

GAGLIANO CASTELFERRATO (EN) – Il crescente fabbisogno energetico delle popolazioni continua a mantenere alta la dipendenza dai combustibili fossili, con costi ambientali elevati, che vanno dallo sfruttamento delle risorse naturali fino all’inquinamento atmosferico e ai cambiamenti climatici.

Le nuove politiche energetiche investono nelle fonti rinnovabili poiché non consumano risorse naturali, sono inesauribili e gratuite, e, soprattutto, non inquinano. Alcune di esse hanno anche il valore aggiunto di riutilizzare materia prima seconda, come quella derivante dalle biomasse di scarto. Le biomasse, non essendo disponibili in ogni momento dell’anno, non possono essere utilizzate come fonte univoca di energia.

Negli ultimi anni le ricerche puntano allo sviluppo delle microalghe energetiche. Si tratta di organismi vegetali unicellulari che vivono a volte riuniti in colonie e sono largamente diffusi in ecosistemi caratterizzati da acque dolci e salate di cui costituiscono la base della catena alimentare. Esse utilizzano la luce del sole come fonte di energia e l’anidride carbonica come principale fonte nutritiva, oltre che i sali minerali.

In un progetto del Ministero dell’Ambiente la professoressa Pagnanelli sostiene che “le microalghe possono crescere in terreni anche desertici utilizzando acque marine e quindi non sottraendo spazio all’agricoltura né risorse idriche alle popolazioni locali. Inoltre la produttività di coltivazioni algali possono essere anche ordini di grandezza superiori rispetto alle coltivazioni agricole. La coltivazione di microalghe è quindi potenzialmente una prospettiva.”

Esistono numerose specie di alghe ed alcune famiglie, selezionate opportunamente, vengono utilizzate a livello industriale per la produzione di integratori alimentari, di prodotti farmaceutici, sostanze chimiche di base. Oggi costituiscono anche un interessante settore di ricerca nel campo delle biotecnologie con interessanti ricadute nel campo della depurazione delle acque reflue e delle energie rinnovabili, in quanto da queste si estraggono componenti utili alla trasformazione in combustibili.

Questi sistemi microbici hanno una crescita che può essere notevolmente più rapida di quella delle piante terrestri, se viene opportunamente favorita. Ciò rende le microalghe particolarmente vantaggiose da utilizzare, oltre che per l’assorbimento di anidride carbonica, anche per la produzione di molecole utili alla trasformazione in biocombustibile.

Nei laboratori del nostro Istituto, coadiuvati dalla collaborazione con il manager R&S Dott. L. Falqui dell’azienda Plastica Alfa del geom. M. Pace di Caltagirone, nell’ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, ci occupiamo anche di crescita algale. In particolare, l’azienda ci ha messo a disposizione un foto-bioreattore costruito con tubi trasparenti, prodotti dalla stessa ditta, all’interno dei quali cresce l’alga. Periodicamente, facciamo dei campionamenti e ne monitoriamo la crescita in funzione della concentrazione dei nutrienti, delle condizioni di luminosità, della quantità di anidride carbonica e, da quest’anno, proveremo a influenzarne la crescita anche con… qualcos’altro (venite a scoprirlo)!

Non sappiamo ovviamente a quali risultati arriveremo, ma vogliamo provare a dare il nostro contributo al nuovo sistema di economia circolare basato sull’estensione della vita dei prodotti, sulla produzione di beni di lunga durata, sulla riduzione dei rifiuti e sul riutilizzo degli scarti.

Classe V
Istituto Tecnico – Biotecnologie Ambientali “R. L. Montalcini”
Gagliano Castelferrato

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684