La mancanza di manodopera in agricoltura - QdS

La mancanza di manodopera in agricoltura

web-gv

La mancanza di manodopera in agricoltura

Roberto Pelos  |
domenica 14 Agosto 2022 - 10:22

Mancanza di mano d’opera in agricoltura in Sicilia. Le voci delle personalità operanti nel settore agricolo.

Reperire manodopera non è semplice, non si hanno richieste di gente che si offre per lavorare, anzi andiamo diminuendo come organico perché chi percepisce il Reddito di Cittadinanza preferisce rimanere a casa”. Sono le parole di Antonio Lo Giudice, titolare di un’azienda agricola nel territorio di Gela, aderente a Coldiretti Sicilia. “Il problema fondamentalmente è questo, inutile girarci attorno. Il nostro lavoro è alla stessa stregua di qualsiasi altro impiego, solo che il nostro concorrente è lo Stato che, ripeto, col Reddito di Cittadinanza ci taglia la possibilità di avere a disposizione gli operai con conseguente diminuzione di fatturato e ovviamente ne risente anche l’indotto”.

La mancanza di manodopera è uno dei problemi che attanagliano il comparto agricolo, come ci riferisce anche un altro aderente a Coldiretti: Massimo Cassarà, titolare di un’azienda agricola a Salemi. “Il problema oggi è duplice, nel senso che, rispetto a qualche anno fa, abbiamo difficoltà a trovare sia la manodopera generica che quella specializzata – sottolinea Cassarà -. In quest’ultimo caso intendo chi sa utilizzare attrezzi come le trattrici o la vendemmiatrice. Non è un problema legato solo a condizioni come lo sfruttamento che è un reato; anche le cantine, ad esempio, hanno problemi nel trovare manodopera e parliamo di aziende che assumono con contratto collettivo nazionale, con tutte le tutele sindacali”.

Un problema che va risolto per garantire un futuro al settore

Quest’anno – afferma Rosario Marchese Ragona, presidente regionale di Confagricolturaabbiamo registrato forti lamentele per la mancanza di manodopera in agricoltura, anche se il problema a quanto pare riguarda un po’ tutti i settori. In agricoltura, dove molti sono i lavori manuali e mi riferisco a colture di pregio che necessitano di una quantità di lavoratori non indifferente, la mancanza si avverte enormemente. Lo attribuiamo a scelte governative come il Reddito di Cittadinanza che, applicato in maniera così indiscriminata, ha consentito a tanti di non lavorare più. Quello che abbiamo notato e di cui ci lamentiamo sono queste scelte governative particolarmente assistenziali che, invece di supportare le categorie più bisognose, attuate in modo così indiscriminato stanno danneggiando il mondo dell’imprenditoria. Il nostro augurio è, dunque, che queste scelte vengano rivedute, che il Reddito di Cittadinanza vada dato ha chi effettivamente ne ha necessità. Applicato in questo modo, se da una parte si aiutano i bisognosi, d’altra parte si indebolisce un’imprenditoria che già, con la crisi di mercato in atto, l’aumento dei costi di produzione e delle materie prime, non passa uno dei suoi momenti migliori”.

Ed è la volta di Graziano Scardino, presidente regionale della Confederazione italiana agricoltori. “Un tema fondamentale per l’agricoltura siciliana – ha dichiarato – è legato alla manodopera agricola poiché molta frutta rischia di rimanere sugli alberi a causa della carenza di manodopera, con l’avvicinarsi della stagione dell’uva – sia da tavola che da vino – e con la prossima campagna agrumicola il tema della manodopera risulterà sempre più scottante. La proposta della Cia è che si pubblichi in tempi brevi un nuovo decreto flussi per l’arrivo di manodopera extracomunitaria per la fase di raccolta ed inoltre, considerato la tempestività con cui è necessario reperire la manodopera in agricoltura, è necessario uno strumento che sostituisca i voucher che sia più dinamico e tempestivo. Che dia la possibilità alle imprese – conclude – di acquisire manodopera con celerità e tempestività, senza pregiudicare i diritti dei lavoratori”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684