Governo, i dubbi di Conte per la nuova variabile “Matteo” - QdS

Governo, i dubbi di Conte per la nuova variabile “Matteo”

Antonio Leo

Governo, i dubbi di Conte per la nuova variabile “Matteo”

mercoledì 18 Settembre 2019 - 05:00
Governo, i dubbi di Conte per la nuova variabile “Matteo”

L'abbandono del Pd da parte di Renzi: il premier perplesso su una iniziativa “che introduce nuovi equilibri parlamentari”. Il leader di Italia viva, “Voglio passare i prossimi mesi a combattere contro Salvini”

ROMA – L’annuncio della rottura era nell’aria ormai da giorni e alla fine l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ha deciso di affidare al quotidiano “La Repubblica” il suo addio al Partito democratico. “Quello che mi spinge a lasciare è la mancanza di una visione sul futuro”, afferma l’ex premier, che rivendica il suo operato degli ultimi anni. “I parlamentari che mi seguiranno saranno una trentina, più o meno. Non dico che c’è un numero chiuso, ma quasi”. Renzi dice di non credere a un’unità che considera di facciata. “Voglio passare i prossimi mesi a combattere contro Salvini”, prosegue. “I gruppi autonomi nasceranno già questa settimana. E saranno un bene per tutti”, dice.

L’ex segretario democratico tende una mano al premier Giuseppe Conte, parlando di un’operazione che “allargherà la base del consenso”, ma stando a quanto trapela da Palazzo Chigi il presidente del Consiglio non si fida affatto della mossa del fu rottamatore, giudicando “singolare la scelta dei tempi di questa operazione”: se fosse stata decisa prima della nascita del nuovo esecutivo – è il ragionamento attribuito a Conte – gli avrebbe dato la possibilità di “valutare la sostenibilità e percorribilità del nuovo progetto di governo”. Per il prof di diritto privato, insomma, che si era appena liberato della grana “Matteo”, quello leghista, ne spunta un’altra omonima, di segno opposto, e che inserisce questa legislatura in una sorta di gioco di specchi, dove la trasmigrazione da destra a sinistra porta con sé anche le “seccature”.

“Il presidente Conte – viene confermato dalle fonti – ha ricevuto una telefonata dal senatore Matteo Renzi, che lo ha informato della sua intenzione di lasciare il Pd e di formare nuovi gruppi autonomi in Parlamento”. Il premier, nel corso della telefonata, “ha chiarito di non volere entrare nelle dinamiche interne a un partito”, ma al contempo “ha espresso le proprie perplessità su una iniziativa che introduce negli equilibri parlamentari elementi di novità, non anticipati al momento della formazione del governo”.

“Se portata a compimento prima della nascita del nuovo esecutivo, questa operazione, niente affatto trascurabile, avrebbe assicurato – sottolineano le fonti di Palazzo Chigi – un percorso ben più lineare e trasparente alla formazione del governo. Il Presidente incaricato avrebbe potuto disporre di un quadro di riferimento più completo per valutare la sostenibilità e la percorribilità del nuovo progetto di governo che ha presentato al Paese”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684