Libri, a Palermo il "Diario inquieto di un’insegnante precaria" - QdS

Libri, a Palermo il “Diario inquieto di un’insegnante precaria”

redazione

Libri, a Palermo il “Diario inquieto di un’insegnante precaria”

martedì 25 Febbraio 2020 - 00:00
Libri, a Palermo il “Diario inquieto di un’insegnante precaria”

Un libro come strumento per creare un tavolo di riflessione sul precariato lavorativo ed esistenziale, ma con lo slancio, il coraggio e la tenacia di rimanere nella propria terra o di ritornare

PALERMO – Un libro come strumento per creare un tavolo di riflessione sul precariato lavorativo ed esistenziale, ma con lo slancio, il coraggio e la tenacia di rimanere nella propria terra o di ritornare. Domani alle 17 si presenterà alla Galleria D’arte Moderna di Palermo: “Diario inquieto di un’insegnante precaria” di Mari Albanese e Maria Grazia Maggio, Navarra editore.

Entrambe insegnanti, scrittrici e donne impegnate nel sociale. Il romanzo narra le vicende di Tecla, un’insegnante precaria di trentotto anni. Sicilianissima di nascita e di formazione, costretta ad abbandonare la sua terra e la ricerca di lavoro per approdare a Firenze. Avverte, sin dal suo arrivo, il bisogno di riflettere sulla sua condizione esistenziale e professionale, sui suoi amori, sulla famiglia e sui sogni delusi. Inizia quindi a scrivere sulle pagine di un diario, che da semplice compagnia si trasforma, poco a poco, in un interlocutore necessario, grazie al quale la visione della propria vita da precaria si estende alle tante altre esperienze altrui, corrispondenti e complementari.

Il mondo della scuola con le sue contraddizioni, le lavatrici a gettoni, gli ortaggi in bella vista al supermercato incarnano, allo stesso tempo, la solitudine e la ricchezza del quotidiano: mezzi entrambi necessari perché Tecla possa affacciarsi a nuove opportunità e a nuove prove da superare, sulle proprie gambe ma con la consapevolezza di condividerle con un’intera generazione. A moderare il dibattito la Preside Chiara Di Prima, presidente regionale dell’Uciim. Daranno il loro contributo Tiziana Albanese, Giuliana Spera e Ludovica Di Prima dell’associazione “Si resti arrinnesci” e Giovanna D’Agostino Presidente dell’associazione: “Insieme per il sostegno”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684