M5s, manifesto Musumeci? Nessuna istigazione all'odio - QdS

M5s, manifesto Musumeci? Nessuna istigazione all’odio

redazione web

M5s, manifesto Musumeci? Nessuna istigazione all’odio

lunedì 20 Luglio 2020 - 00:01
M5s, manifesto Musumeci? Nessuna istigazione all’odio

I pentastellati contrattaccano: Armao ci paragona al cancro, Micciché all'Aids, Musumeci ci accusa di cretinisimo, Messina posta l'immagine di Conte in manettes. E poi hanno in Giunta un ex massone e post fascista, l'assessore Samonà

“Niente sangue e nessuna campagna di istigazione all’odio, cosa che è lontanissima dalla nostre corde e dal nostro sentire e che condanniamo senza se e senza ma”.

Lo hanno affermato in una nota i deputati del M5s dell’Assemblea siciliana dopo le polemiche suscitate dalla locandina postata sulla propria pagina Facebook dall’onorevole Nuccio Di Paola per promuovere la mozione di sfiducia a quel Governo Musumeci, “visto da tantissimi siciliani come un incubo”.

“Sono semmai gli inaccettabili e offensivi – prosegue la nota – i commenti degli assessori di Musumeci che non lasciano spazio a nessuna immaginazione e istigano all’odio, tant’é che dopo le loro frasi, la pagina fb del nostro collega Di Paola è stata fatta bersaglio di numerose minacce, delle quali in precedenza non c’era la minima traccia, nonostante la locandina fosse presente da diverse ore sui social”.

“A gridare allo scandalo – continuano i deputati – sono gli stessi che ci paragonano al cancro (l’assessore Armao), gli stessi che postano l’immagine di Conte in manette (l’assessore Messina), gli stessi che dicono che il M5S è come l’Aids (Miccichè), gli stessi che hanno in giunta un ex massone e post fascista (l’assessore Samonà), gli stessi che accusano l’opposizione di ‘cretinismo’ e definiscono ‘poveretti’ e disonesti chi li critica (Musumeci)”.

“Frasi – concludono – per le quali mai nessuno si è scusato”.

“Nella locandina – precisano poi i deputati – c’era il rosso perché meglio si addiceva al tema. Può non piacere, ma sicuramente non era sangue ma vernice”.

“Di certo – sottolineano i deputati pentastellati – c’è che finalmente Musumeci e i suoi assessori, i quali su tantissimi temi da noi sollevati nel corso di questa infausta e improduttiva legislatura sono stati silenti, hanno ritrovato di colpo e al’unisono la voce”.

“Peccato – concludono nella nota -, ci avrebbe fatto piacere sentirla per altre e ben più importanti vicende, come per le poesie inneggianti al nazismo del neo assessore Samonà, per gli arresti dei manager della sanità Candela e Damiani, nominati dal governo Musumeci, o, andando più indietro, per le pesantissime vicende giudiziarie del presidente della commissione Bilancio dell’Ars, sui cui nessuno ha mai proferito parola”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684