Mafia, Ingroia, l'ira dei politici? Brusca svelò la "trattativa" - QdS

Mafia, Ingroia, l’ira dei politici? Brusca svelò la “trattativa”

redazione web

Mafia, Ingroia, l’ira dei politici? Brusca svelò la “trattativa”

giovedì 03 Giugno 2021 - 09:04

L'ex pm palermitano sulle esternazioni indignate degli esponenti dei partiti, "A pensar male si fa peccato, ma qualche volta ci si azzecca". E sul boss, "fu il primo a parlare del papello di Riina"

“Indignazione dei politici per la scarcerazione di Brusca? Brusca non ha parlato soltanto di mafiosi, di stragi e di omicidi, ha anche scoperchiato il tema della collusione tra mafia e politica, il tema della trattativa Stato-mafia. Mi sembra un po’ sproporzionata l’eco mediatica proprio su Brusca e non su altri collaboratori. A pensar male si fa peccato, ma qualche volta ci si azzecca”.

Così, citando una celebre frase di Giulio Andreotti, l’ex pm antimafia Antonio Ingroia ha commentato la vicenda del sanguinario boss mafioso a “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus.

“Giovanni Brusca – ha sottolineato Ingroia – fu il primo a raccontarci del famoso papello di Totò Riina. Da Brusca è iniziato questo percorso da cui è nata l’indagine e poi il processo sulla trattativa Stato-mafia”.

“E’ comprensibile – ha aggiunto – quel che dice il cuore, ovvero che sembra assurdo che lo Stato possa rimettere in libertà un criminale come Brusca ma, come diceva Falcone, i collaboratori di giustizia sono uno strumento indispensabile per penetrare all’interno delle organizzazioni mafiose segrete”.

Ingroia ha sottolineato come Giovanni Brusca abbia avviato un percorso di collaborazione, “anche se non è un pentito, ma un uomo che si è fatto due conti e ha pensato di approfittare questa legge che è stata fatta per incentivare la collaborazione con lo Stato: ci sono mafiosi che sono usciti senza aver mai collaborato, Giovanni Brusca comunque 25 anni di carcere se li è fatti”.

“Brusca – ha aggiunto Ingroia – ha fatto un calcolo, lo Stato ha fatto un calcolo e dal punto di vista dello Stato il bilancio è positivo considerando quanti altri mafiosi la collaborazione di Brusca ha fatto arrestare, quanti patrimoni ha fatto sequestrare e quanti omicidi ha permesso di sventare”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684