Maltempo, Coldiretti, al Nord danni per milioni di euro - QdS

Maltempo, Coldiretti, al Nord danni per milioni di euro

redazione web

Maltempo, Coldiretti, al Nord danni per milioni di euro

lunedì 05 Ottobre 2020 - 00:01
Maltempo, Coldiretti, al Nord danni per milioni di euro

Un disastro per l'agricoltura italiana : serre divelte, frutteti abbattuti e stalle evacuate, interi greggi dispersi. Le regioni più colpite sono Valle d'Aosta, Liguria, Piemonte e Lombardia. In pericolo l'intero raccolto del riso

Animali bloccati in alpeggio, serre divelte, frutteti e coltivazioni distrutti, alberi abbattuti, risaie allagate proprio nel momento della raccolta: è nell’ordine dei milioni di euro la prima stima dei danni provocati all’agricoltura dal maltempo che si è abbattuto sull’Italia settentrionale, soprattutto in Valle d’Aosta, Liguria, Piemonte e Lombardia.

Lo rileva la Coldiretti.

Secondo una prima analisi dei danni all’agricoltura nelle regioni più colpite condotta dall’associazione, in Liguria “si segnalano frane e smottamenti, con difficoltà anche per le aziende in alpeggio” e “danni alle colture in campo, con il forte vento e trombe d’aria che non hanno risparmiato le olive ormai prossime alla raccolta”.

In Valle d’Aosta “campi allagati per l’esondazione della Dora in bassa Valle, serre divelte dal forte vento, stalle evacuate e ancora frutteti distrutti e vigneti pesantemente danneggiati”.

Il maltempo non ha risparmiato l’agricoltura nemmeno in Piemonte, con “campi allagati in tutta la regione, imprese floricole della provincia di Verbania sott’acqua e difficoltà per i margari, che non sono potuti rientrare con gli animali a valle, essendo compromesse le infrastrutture viarie”.

E’ “grave – rileva la Coldiretti – la situazione del riso nel triangolo d’oro tra Vercelli, Novara e Pavia”.

In Lombardia, per esempio, “si coltiva l’80% del riso in Italia, con intere aziende agricole che sono state allagate proprio alla vigilia del raccolto con la perdita di un intero anno di lavoro”.

Il maltempo ha dunque colpito in un momento importante per l’Italia, primo produttore europeo di riso, con 228 mila ettari coltivati quest’anno e 4.000 aziende agricole che raccolgono 1,50 milioni di tonnellate di risone all’anno, pari a circa il 50% dell’intera produzione Ue e con una gamma di varietà unica.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684