Maltempo Sicilia, Carmelo Barbagallo racconta, "l'emergenza continua" - QdS

Maltempo Sicilia, Carmelo Barbagallo racconta, “l’emergenza continua”

web-mp

Maltempo Sicilia, Carmelo Barbagallo racconta, “l’emergenza continua”

web-mp |
giovedì 25 Novembre 2021 - 08:00

Carmelo Barbagallo, rappresentante USB Vigili del Fuoco Sicilia, spiega l'emergenza e l’impegno diretto nella risoluzione dei tanti problemi segnalati sul territorio etneo

Il cambiamento climatico e i conseguenti episodi metereologici avversi abbattutisi sulla Sicilia si scontrano con un sistema di infrastrutture obsoleto e inadeguato. I disagi provocati dalle recenti forti piogge non possono restare a lungo inosservati, occorrerà intervenire celermente a breve e lungo termine.

Grande lavoro di Vigili del Fuoco e Protezione Civile in queste settimane, non senza qualche problema da risolvere per operare in piena efficienza. Carmelo Barbagallo, rappresentante USB Vigili del Fuoco Sicilia, spiega ai microfoni del Qds.it l’emergenza dal suo punto di vista impegnato in maniera diretta nella risoluzione dei tanti problemi segnalati sul territorio.

In queste settimane il
maltempo ha creato molti disagi ai siciliani. L’apparato dei Vigili del Fuoco e
della Protezione Civile era pronto per affrontare questa emergenza?

“In un primo momento, le
criticità sono state sempre le solite: carenze di personale e mezzi non più
idonei alle emergenze oramai divenute costanti e modificate nel loro DNA. Ci
troviamo di fronte a un clima tropicale. Possiamo affermare che, a differenza
degli anni passati, ora le emergenze sono facilmente riscontrabili e si
comincia a parlare seriamente del problema, anche a livello nazionale. Buoni
auspici sono venuti fuori dal tavolo con il capo del corpo nazionale, il capo
dipartimento e il sottosegretario agli interni che hanno verbalizzato per
l’autonomia dei mezzi in Sicilia e la dichiarazione delle emergenze, qualora
necessitasse”.

Ci parla dei problemi dovuti
alla carenza di personale. Come risolverli?

“Ci siamo ritrovati con più
lavoro a fronte di meno unità, il tutto perché hanno pensato di sostituirci con
i droni! È stato un ennesimo fallimento. In corsa sono state messe sul piatto
le convenzioni boschive regionali ma, non potendo colmare la grande mole di
lavoro, il dipartimento dei VVF ha messo sul piatto fondi straordinari per
aumentare le squadre. Un massacro, e non è arrivata una parola di elogio da
parte del presidente delle Regione nei nostri confronti. Ma noi l’abbiamo
superata! Massacrati ma vittoriosi! Ci auspichiamo che si ravvedano e non
facciano più scelte scellerate. Purtroppo la Sicilia ha necessità di professionisti
del soccorso in maniera costante. I volontari a supporto vanno bene, ma non
possono sostituirci. I risultati li abbiamo visti. Da parte nostra un elogio a
tutte quelle persone che danno il loro contributo senza remunerazione”.

Ci sono stati interventi
particolari che hanno messo in pericolo gli operatori dei Vigili del Fuoco? Ce
ne puoi raccontare?

“La nostra vita, è
costantemente in pericolo. Basti pensare agli effetti delle giornate estive più
calde, ai nubifragi e alle trombe d’aria. Spesso sono situazioni che
affrontiamo in precarietà, ma sempre rispettando le procedure operative.
L’inconveniente può capitare. Il nostro pensiero va a tutti i colleghi che
hanno perso in questi anni la vita in servizio. Fare il vigile del fuoco è una
scelta per vocazione”.

Sulle eventuali criticità vi
hanno dato rassicurazioni per interventi in tempi rapidi?

“Le rassicurazioni sono
arrivate. Il nuovo capo del corpo, Guido Parisi, ha espresso parere favorevole
al potenziamento di Sicilia, Sardegna e Calabria. le criticità sono state
evidenti in questi anni, noi staremo sempre vigili che ciò avvenga”.

A Catania quali sono i punti
da mettere in sicurezza in via prioritaria?

“Nella città etnea è
necessario investire su prevenzione e messa in sicurezza del territorio. L’alto
pericolo sismico, idrogeologico e di incendi non può più essere sottovalutato.
Strutture pubbliche costruite prima degli anni 80, non rispettano i criteri
antisismici, i canali di gronda sono fatiscenti e hanno creano grosse
criticità. Il territorio, con la mancata cura dei terreni, creerà i problemi
che vediamo già ogni estate! Il clima è cambiato, ora deve cambiare il nostro
modo di vivere! Si deve investire, prima che sia troppo tardi. Catania come
tutta la Sicilia, parlo da coordinatore regionale Usb Vigili del Fuoco Sicilia,
ha necessità di un’inversione di rotta. Stromboli, Vulcano, Etna, incendi,
nubifragi, incendi! Noi siamo un’isola, la più estesa nel territorio: una
grossa riflessione va assolutamente fatta e messa in atto! Comunque, nelle prossime
settimane, verrà dedicata una piazzetta ai colleghi deceduti in servizio a
Catania”.

Gianluca Virgillito

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684