Marmolada, Draghi: "Oggi l'Italia piange le vittime" - QdS

Marmolada, Draghi: “Oggi l’Italia piange le vittime”

web-mp

Marmolada, Draghi: “Oggi l’Italia piange le vittime”

web-mp |
lunedì 04 Luglio 2022 - 16:14

Si cercano ancora 14 persone, 4 trovate vive - IN AGGIORNAMENTO

“L’Italia oggi piange le vittime” della tragedia sulla Marmolada, “e il governo deve riflettere su quanto accaduto e prendere di provvedimenti affinché quanto” successo ieri “abbia una probabilità bassissima di succedere o possa essere addirittura evitato”. Così il premier Mario Draghi, durante un punto stampa a Canazei con le autorità locali.

Un dramma imprevedibile, il ringraziamento ai soccorsi

“Questo è un dramma che certamente ha dell’imprevedibilità, ma certamente dipende dal deterioramento dell’ambiente e della situazione climatica”. prosegue il premier Mario Draghi e poi ancora – . Voglio ringraziare tutti coloro che hanno lavorato in questo giorno e mezzo: la Protezione civile, i Vigili del Fuoco, il soccorso alpino, le autorità sanitaria e i volontari, ringraziarli tutti per la loro generosità, la loro professionalità e il loro coraggio, perché come sapere queste operazioni si svolgono in una situazione di grande pericolo”.

La dinamica e le cause della tragedia

Oltre 300 chilometri orari. È questa la velocità raggiunta da sassi e ghiaccio che si sono distaccati all’improvviso dal ghiacciaio della Marmolada, il più esteso delle Dolomiti, e scesi verso valle. Ma cosa è successo esattamente e quali sono le cause?

L’enorme cascata di ghiaccio e roccia proviene, in gergo tecnico, dal seracco, ossia una formazione tipica di un ghiacciaio a forma di pinnacolo o torre dovuta all’apertura di crepacci.

In questo caso, il seracco, si è staccato dal ghiacciaio, trasformandosi appunto in una cascata dalle caratteristiche davvero eccezionali: il fronte iniziale, composto principalmente da materiale solido (la neve era pochissima) era di circa 200 metri, con un’altezza di 60 e una profondità di 80 metri, ed è sceso con una pendenza di 45 gradi a 300 chilometri orari per 500metri circa.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684