Messina Denaro, Bonafede non risponde a Gip e pm - QdS

Messina Denaro e Bonafede, bocche cucite: boss e prestanome scelgono la via del silenzio

web-sr

Messina Denaro e Bonafede, bocche cucite: boss e prestanome scelgono la via del silenzio

Redazione  |
mercoledì 25 Gennaio 2023 - 13:08

Andrea Bonafede, accusato di avere prestato la propria identità a Matteo Messina Denaro, si è avvalso della facoltà di non rispondere. E il boss continua a non collaborare.

Bocche cucite, nessuna parola. Dopo Matteo Messina Denaro, che dal carcere dell’Aquila dove è attualmente rinchiuso, continua a non mostrare segni di collaborazione anche Andrea Bonafede, il geometra incensurato accusato di avere prestato la propria identità al boss di Castelvetrano, decide di non proferire parola.

L’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere nel corso dell’interrogatorio di garanzia avvenuto nell’aula bunker del carcere Pagliarelli di Palermo in presenza del Gip e del pubblico ministero Piero Padova. In base all’accusa, Bonafede sarebbe un “uomo d’onore” riservato, lontano comunque dai giri più stretti di Matteo Messina Denaro.

Messina Denaro, la “cessione” dell’identità di Bonafede

L’uomo avrebbe concesso il documento d’identità all’ex superlatitante per applicargli la propria fotografia affinché potesse permettersi le cure sanitarie sotto falso nome.

La “cessione” dell’identità sarebbe avvenuta già in occasione dell’operazione chirurgica alla quale Matteo Messina Denaro si è sottoposto il 13 novembre 2020 all’ospedale di Mazara del Vallo.

Grazie a questa falsa identità, Messina Denaro sarebbe riuscito a vivere e a girare indisturbato per diverso tempo nella località di Campobello di Mazara, dove sono stati rintracciati alcuni covi.

Messina Denaro, indagati i figli di Luppino

Nel frattempo si allunga la lista dei fiancheggiatori dell’ex superlatitante. Nelle scorse ore, infatti, nel registro degli indagati sono stati iscritti i nomi di Vincenzo e Antonio Luppino, figli di Giovanni, l’uomo che ha accompagnato il capomafia alla clinica Maddalena di Palermo.

Messina Denaro, boss rinuncia a comparire in processo

Nel frattempo, il boss di Castelvetrano ha rinunciato a comparire all’udienza preliminare di un processo nel capoluogo siciliano dove sono coinvolti padrini, gregari della mafia agrigentina e l’avvocata Angela Porcello. La posizione di Messina Denaro, così come previsto dalla legge, era stata stralciata perché l’ultimo dei capimafia siciliani era latitante.

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001