Nel Mediterraneo una discarica di plastica - QdS

Nel Mediterraneo una discarica di plastica

redazione

Nel Mediterraneo una discarica di plastica

Giuseppe Bonaccorsi  |
mercoledì 18 Maggio 2022 - 07:00

Nel Mare Nostrum finiscono ogni anno 229mila tonnellate di oggetti e frammenti, mentre sulle spiagge si contano ogni 100 metri oltre 800 rifiuti. Serve un’azione sinergica e una corretta informazione

LIPARI – Sbigottiti e a dir poco sopresi nell’apprendere che appena pochi giorni fa, prima del provvedimento “salvamare”, che è diventato legge dopo quattro anni dalla presentazione del ddl, i pescatori, ma anche i cittadini comuni che raccoglievano i rifiuti in mare e soprattutto la plastica ammazza tartarughe, delfini… avrebbero potuto essere denunciati e sanzionati perché sino a quel momento prelevare i rifiuti in mare era un reato. Un paradosso, per non dirsi anche stupefacente dinnanzi a una tipica legge di una “italiota” spesso inutile e contraddittoria.

Tonnellate di plastica che navigano da decenni nei nostri mari

Così adesso ognuno di noi potrà andare in spiaggia, fare il bagno e raccogliere, seppure come gesto simbolico, una minuscola porzione di quelle tonnellate e tonnellate di plastica che navigano anche da decenni nei nostri mari e poi finiscono sulla battigia delle nostre rinomate coste. Così, tra il serio e faceto, a spasso col cane ad inizio stagione, abbiamo avviato una personale mini bonifica in una porzione di circa 100 metri di battigia di Acquacalda, selvaggia e stupenda località della costa Eoliana, sull’Isola di Lipari, che quest’anno ha ottenuto la Bandiera blu. E Legambiente aveva visto giusto.

Nella perlustrazione di meno di 100 metri, abbiamo raccolto un due grandi sacchi di rifiuti, intercettando di tutto, dalle scarpe… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684