Mercatini artigianali Catania, lo strano divieto di vendere prodotti alimentari

Mercatini artigianali a Catania e lo strano divieto di vendere prodotti alimentari

web-dr

Mercatini artigianali a Catania e lo strano divieto di vendere prodotti alimentari

Antonio Licitra  |
venerdì 13 Maggio 2022 - 13:09

Fa discutere il divieto di vendere prodotti alimentari nei mercatini per i turisti di Catania. L'appello dell'associazione Le Pulci di Città

Con la fine della pandemia e la rimozione di gran parte delle restrizioni, tornano i mercatini artigianali all’aperto dedicati ai turisti. Anche Catania si è fatta trovare pronta, con l’associazione Le Pulci di Città che ha organizzato il consueto mercatino in Via Minoriti e successivamente in Via Montesano.

Mercatini senza prodotti alimentari

Tutto perfetto, se non fosse che dall’ufficio delle attività produttive è arrivato un diniego alla vendita dei prodotti alimentari, ovviamente anch’essi locali. Una scelta che secondo gli addetti ai lavori ha dell’assurdo, in particolar modo in un periodo di “rinascita” come questo e che è stata intrapresa soltanto a Catania. Tutto ciò ha fatto scatenare la rabbia della vice-presidente Olga Scaglione e della presidente dell’associazione, Brigida De Klerk.

“Dal 2016, operiamo con i nostri mercatini itineranti non solo in Sicilia ma anche oltre lo Stretto. La cosa che ultimamente qui a Catania è sembrata strana è il divieto assoluto di far partecipare ai mercatini le aziende di prodotti alimentari tipici locali. E’ vero che una parte dell’avviso dice che non possono partecipare tutti coloro che sono iscritti alla Camera di commercio ma è vero anche che tutte queste aziende si sono adeguate alle direttive emanate dall’ufficio Attività produttive di Catania in merito ad eventuali autorizzazioni necessarie per poter partecipare ai nostri mercatini con i loro prodotti.

Vigili urbani attenti a far rispettare la misura

Abbiamo già ricevuto diverse visite da parte dei vigili urbani per questo motivo e siamo state convocate nei loro uffici. Per quanto riguarda le autorizzazioni, siamo attualmente in regola, magari non lo siamo per come è stato scritto, cioè che possono partecipare a questo tipo di mercatini solo ed esclusivamente gli operatori dell’ingegno e gli hobbisti. C’è da dire, però, che questa cosa è stata scritta da sempre e da sempre hanno partecipato i prodotti locali. Non vedo perché, una terra come la Sicilia, non possa far lavorare le proprie piccole aziende.

Perplessità per i venditori ambulanti senza permessi

Ci scontriamo, dunque, con la solerzia dei vigili urbani quando a pochi metri notiamo decine di venditori ambulanti senza alcun permesso. Alla nostra amministrazione, dico che è privo di logica non poter fare partecipare i prodotti tipici del luogo all’interno di un mercatino che è destinato ai turisti. Inoltre, chiedo di poter rivedere questa norma dando un indirizzo politico deciso una volta per tutte e dichiarare se tutto questo si può fare o meno.

Se si decide di non far partecipare i prodotti tipici locali, non capisco che senso avrebbe fare un mercatino destinato ai turisti e che debba dare un valore al turismo.”

Attesa una replica

La redazione del Quotidiano di Sicilia ha provato diverse volte a contattare telefonicamente la dott.ssa Melina Scalisi, dirigente dell’ufficio delle Attività produttive e promotrice dell’avviso, senza, però, riuscirci.

Restiamo in attesa di un suo intervento che spieghi le ragioni che hanno portato l’amministrazione a questa decisione controversa.

Antonio Licitra

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684