Mezzogiorno Federato, rinascita del Sud e "rendita mediterranea" - QdS

Mezzogiorno Federato, rinascita del Sud e “rendita mediterranea”

web-mp

Mezzogiorno Federato, rinascita del Sud e “rendita mediterranea”

web-mp |
domenica 16 Maggio 2021 - 11:10

Il movimento politico "Mezzogiorno Federato" ha come obiettivo la creazione di una nuova realtà meridionale. Ne abbiamo parlato con uno dei fondatori, Salvatore Giunta

Linee ferroviarie ad alta velocità che consentano di collegare Catania a Roma in 3 ore e mezzo, un’unica grande università del Mediterraneo e l’introduzione della “rendita mediterranea”.

Sono questi alcuni degli obiettivi al centro del Mezzogiorno Federato un movimento politico che ha come obiettivo la creazione di una nuova e grande realtà meridionale, protagonista del suo cambiamento e del suo sviluppo.

A parlarci di questa nuova realtà è uno dei fondatori de Le Api, movimento confluito nel Mezzogiorno Federato, il nisseno Salvatore Giunta.

Lei è uno dei fondatori de Le Api che adesso, insieme ad altri
movimenti è confluito nel Mezzogiorno Federato di cosa si tratta?

Le Api era un movimento che raggruppava una trentina di circoli culturali, politici, partiti, associazioni, che avevano in mente di rilanciare la Sicilia e di creare le condizioni per lo sviluppo della Sicilia. Poi a qualcuno è venuto in mente di unificare queste realtà nate in tante parti dell’Italia e del Sud e abbiamo creato Mezzogiorno Federato, un movimento politico che nasce dai territori, cioè da questa esigenza di raggruppare realtà che riconoscono comuni origini, aspettative e progetti.

Noi vogliamo rimanere in Italia, vogliamo rimanere in Europa, non siamo secessionisti e neanche rivendicazionisti. Vogliamo solo creare sviluppo ecosostenibile per cercare di uniformare il benessere dei nostri cittadini.

Parliamo di obiettivi. Nel vostro progetto avete inserito
diverse tematiche, partiamo dall’Università.

Abbiamo il progetto di un’unica grande università del
Mediteranno che raggruppi tutte quelle del Mezzogiorno distinguendole per
specialità. Faccio un esempio: se a Napoli un’università si distingue per la
ricerca in Medicina e allora creiamola lì o altrove, creando dei poli di
attrazione super specialistici.

Sulla sanità invece…

Abbiamo il grande progetto della “Città della Salute” che
sarà per un 30% ricovero e cura e per un 70% ricerca. Ne esiste già una a
Torino e vogliamo replicarla anche nel Mezzogiorno.

Uno dei temi che vi sta più a cuore è quello dell’occupazione
e di evitare la desertificazione demografica.

Purtroppo oggi nel Mezzogiorno e in Sicilia in particolare
assistiamo a quella che abbiamo definito “destertificazione demografica”. In
Sicilia 25mila persone ogni anno abbandonano la loro terra alla ricerca di un
lavoro. Non è possibile accettare tutto questo perché significa che un paese
come San Cataldo sparisce ogni anno dalla nostra Isola. Anche perché a lasciare
la Sicilia sono i nostri figli che vanno ad arricchire le regioni del Nord,
impoverendo ancora di più il Sud.

La Sicilia e in generale il Sud Italia vivono molto di
turismo. Qual è il vostro progetto per rilanciarlo.

“E’ un concetto fondamentale per il mezzogiorno italiano, così ricco di coste, di beni archeologici e culturali. Ma senza infrastrutture non possiamo pretendere che i nostri turisti viaggino in autostrade disastrate, su strade pieni di buche o porti turistici quasi inesistenti. Quello che vogliamo è aprire il turismo a tutti i continenti e il grande turismo si fa creando infrastrutture per consentire ai popoli che stanno dall’altra parte del pianeta di conoscere la nostra cultura”.

E a proposito di infrastrutture un tema che vi è molto caro è
quello del ponte. Un’idea spesso criticata perché per molti è prima necessario migliorare
strade e ferrovie.

Il ponte non può e non deve rimanere una cattedrale nel
deserto. Il ponte considerato a sé è assolutamente inutile. Ma se lo
consideriamo come infrastruttura di un sistema logistico del Meridione sarà la
regina delle infrastrutture. Lei consideri il ponte senza alta velocità o il
contrario. Non servirebbe a nulla. Esiste un progetto sull’alta velocità che
consentirebbe di collegare Catania a Roma in sole 3 ore e mezzo. Allora quello
che dobbiamo fare non è il ponte ma il sistema infrastrutturale del Mezzogiorno
di Italia in cui il ponte sicuramente riveste una funzione importantissima,
intanto perché potrebbe offrire anche 100 mila posti di lavoro e poi perché
collegherebbe l’Europa al Mediterraneo. Noi, infatti, non lo chiamiamo più
Ponte sullo Stretto ma Ponte del Mediterraneo. Noi siamo per la realizzazione
del Ponte a tre campate che sarebbero a rigor di logica migliore di una campata
unica.

Non temete che il ponte diventi un’incompiuta come tante
infrastrutture in Italia.

“In questo caso avremmo gli occhi puntati sopra dall’intero pianeta e quindi non sarebbe affatto facile. E poi il ponte rappresenta un motore di sviluppo e un sistema per combattere la mafia. Perché migliorando le condizioni socio-lavorative di siciliani e calabresi si combatterà la mafia che cresce e si sviluppa dove esiste disoccupazione e povertà”.

Lei ha introdotto il concetto di “rendita mediterranea” di
cosa si tratta?

“La Sicilia e il mezzogiorno sono al centro del Mediterraneo che nei prossimi anni sarà teatro dei più grandi sconvolgimenti positivi del pianeta. I nostri dirimpettai sono i paesi dell’Africa del Nord dove il Pil cresce più velocemente.

Il continente africano sarà il protagonista dell’economia nei prossimi decenni e noi rappresentiamo la porta d’Europa nel Mediterraneo, quindi una propaggine di terra a diretto contatto con i popoli africani.

Potremmo rappresentare un trait d’union tra l’Europa e l’Africa un ruolo che fino ad oggi non siamo mai riusciti a sfruttare”.

Rita Cinardi

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684