Migranti, naufragio ad Acitrezza, paese dei Malavoglia - QdS

Migranti, naufragio ad Acitrezza, paese dei Malavoglia

redazione web

Migranti, naufragio ad Acitrezza, paese dei Malavoglia

giovedì 14 Ottobre 2021 - 08:49

Ottantaquattro persone su una barca vela incagliatasi tra gli scogli della cittadina in cui Giovanni Verga ambientò il suo romanzo, incentrato sulla rovina di una famiglia di pescatori. LA FOTOGALLERY

Ottantaquattro migranti, compresi otto minorenni accompagnati e dieci donne, quasi tutti mediorientali, soccorsi nella notte.

La notizia non farebbe molto scalpore se non fosse che l’approdo è avvenuto in un luogo solitamente non toccato dagli sbarchi e che, per di più, riveste un forte valore simbolico.

La barca a vela a bordo della quale si trovavano i migranti, infatti, si è infranta sulla scogliera davanti il lido Galatea, ad Acitrezza, frazione di Acicastello in provincia di Catania.

E ad Acitrezza Giovanni Verga aveva ambientato il suo romanzo più famoso, “I Malavoglia”, uscito nel 1881, narrando la rovina di una famiglia di pescatori.

E ispirandosi al Romanzo, nel 1948 Luchino Visconti girò, sempre a Trezza, un celebre film: “La terra trema”.

“I Malavoglia” faceva parte del ciclo verghiano dei vinti. E certamente tra i nuovi vinti vanno annoverati i migranti che sbarcano sulle coste siciliane.

Gli ottantaquattro di Acitrezza sono stati soccorsi da Polizia, Carabinieri e personale del 118 e della Cri e sono stati trasferiti in una struttura comunale sul lungomare che ospita un centro culturale.

I primi soccorsi nel Lido Galatea
I migranti sulla terrazza del Lido
Il luogo in cui la barca a vela è naufragata
Le auto di Polizia e Vigili del fuoco davanti al Lido

“Abbiamo messo a disposizione Villa Fortuna – ha confermato il sindaco di Aci Castello, Carmelo Scandurra, che ha pubblicato sulla propria pagina Facebook le foto che mostriamo – per dare un primo soccorso e dei pasti caldi forniti dalla Croce rossa italiana”.

La ricerche della barca a vela, dopo una segnalazione telefonica, erano state avviate dalla Capitaneria di porto di Catania con motovedette.

Dopo il naufragio, nella zona, sono stati compiuti diversi sorvoli con elicotteri della Guardia costiera per controllare l’eventuale presenza di persone in mare, l’esito è stato negativo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684