Musumeci-Micciché: telenovela che ormai ha stancato tutti - QdS

Musumeci-Micciché: telenovela che ormai ha stancato tutti

Raffaella Pessina

Musumeci-Micciché: telenovela che ormai ha stancato tutti

venerdì 22 Aprile 2022 - 09:10

Regionali, campagna elettorale ricca di polemiche e povera di contenuti. Discutere di come risollevare la Sicilia, non di beghe politiche

PALERMO – Inizia malissimo la campagna elettorale in Sicilia che si contraddistingue non tanto per i contenuti, quanto per le continue polemiche. In particolare nel centrodestra sono mesi che le due più alte cariche si punzecchiamo e si criticano mostrando il fianco ad una opposizione che di certo approfitterà di questa débacle per avere la meglio alle prossime elezioni. Perché al cittadino non piacciono le polemiche, ama i fatti e di certo ha una maggiore credibilità chi porta avanti un programma, invece di criticare i metodi degli altri. Il rischio sarà quello di verificare purtroppo a quale percentuale arriverà l’astensionismo in Sicilia.

Nello specifico la crisi del centrodestra vede contrapposti i due leader, Gianfranco Miccichè di Forza Italia che è presidente dell’Ars e Nello Musumeci di Diventerà Bellissima e attuale governatore della Sicilia. Il primo non perde occasione per criticare i metodi del presidente della Regione, che, secondo Miccichè non ha mai coinvolto nelle decisioni di governo i partiti della coalizione, e ha indispettito il Parlamento. “Spero ancora, fino all’ultimo – ha aggiunto Miccichè – che lui possa capire i suoi errori e cambiare atteggiamento, per il bene e l’unità della coalizione di centrodestra”.

Miccichè: “Abbiamo votato leggi grazie alla mia capacità di mediazione”

E a chi gli contesta di dialogare con i partiti di opposizione piuttosto che con quelli del centrodestra, il presidente dell’Ars risponde che solo con la sua capacità di mediazione vengono approvate le leggi in Aula, perché la maggioranza è debole. “Ieri grazie alle opposizioni abbiamo votato cinque leggi che erano rimaste ferme perché mancava il numero legale per il voto – ha detto Miccichè -. Non ho fatto inciuci con opposizione, ho garantito che ci fosse la presenza in Aula tale da far passare le leggi. Se la maggioranza avesse avuto la forza di vincere con i numeri io avrei potuto farne a meno di avere questi rapporti continui con opposizione”.

Musumeci: “Non mi farò delegittimare”

Alle parole di sfiducia del presidente dell’Ars risponde il governatore Musumeci che non ci sta a farsi delegittimare proprio sotto elezioni. “Non mi farò delegittimare da chi ha già spaccato la coalizione due volte facendo vincere la sinistra, da chi oggi in Sicilia guida metà del suo partito e non si capisce cosa mi rimproveri. Per me il centrodestra è un valore e un ideale. Se verrà diviso, ognuno si prenderà le proprie responsabilità” e “Se non dimostreranno che sono socio di Matteo Messina Denaro o che, a differenza di quanto mi risulta, esistono candidati più competitivi di me, no. Non ritirerò la mia candidatura”.

Firrarello: “Stiamo pagando il costo della disintegrazione dei partiti politici”

Sulla crisi interna del centrodestra interviene Pino Firrarello, ex senatore e figura storica della Democrazia Cristiana e di Forza Italia nel catanese ed in Sicilia: “Purtroppo in Sicilia sta succedendo quello che sarebbe successo a Roma se non avessero trovato una soluzione che richiama a Mario Draghi – ha detto -. Stiamo pagando il costo della disintegrazione totale dei partiti politici. Oggi non ci sono persone che vengono preparate ad affrontare le amministrazioni locali e neppure quelle regionali e nazionali”. “La Sicilia dunque – ribadisce Firrarello – è un caso che esplode prima ma siamo sul punto di dire che questo non è più un Paese governabile con queste istituzioni”. “Draghi – conclude Firrarello – che con buona volontà un po’ di riforme le sta facendo, o affronta anche il problema istituzionale dell’Italia o altrimenti come Paese faremo una brutta fine…”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684