Palermo, una corsa contro il tempo per i 75 mln del Pon React - QdS

Palermo, una corsa contro il tempo per i 75 mln del Pon React

Gaspare Ingargiola

Palermo, una corsa contro il tempo per i 75 mln del Pon React

sabato 25 Settembre 2021 - 01:00

Sono undici gli interventi inseriti dall’Amministrazione comunale in questo elenco, che ha attraversato un iter burocratico assai complesso. L’obbligo di rendicontazione è fissato entro il 2023

PALERMO – Nuove isole ecologiche, la riforestazione di Monte Pellegrino e una nuova chance per il lungomare di Barcarello. Sono solo alcuni dei progetti finanziati dal Pon React e approvati da una delibera della Giunta retta dal Leoluca Orlando.

Il provvedimento è una presa d’atto dell’elenco con le schede degli undici interventi, per un investimento complessivo di 74,7 milioni di euro. L’iter burocratico è stato parecchio farraginoso. Il Comune di Palermo era stato designato dall’Agenzia per la coesione territoriale come Organismo intermedio per la gestione dei fondi Pon Metro nel lontano 2016 e in quello stesso anno erano stati delineati il Piano operativo degli interventi e il Modello organizzativo di funzionamento. Dopo una lunga serie di revisioni, integrazioni e aggiornamenti (tra il 2018 e il 2019), la versione definitiva del Piano operativo ha ricevuto il via libera dell’Esecutivo cittadino soltanto il 30 dicembre 2020. “Adesso si possono avviare le procedure per la valutazione finale e l’attuazione degli interventi”, ha spiegato l’assessore al Bilancio Sergio Marino.

Sarà una corsa contro il tempo: “Considerati i tempi del Programma – si legge nella delibera – sono stati proposti progetti di rapida attuazione e di importi compatibili con l’obbligo di rendicontazione entro il 2023”. Niente grandi opere, dunque, ma interventi immediatamente cantierabili o che non richiedano una lunga progettazione.

Tra questi, “Palermo Green 2030”: 40 milioni per “la modernizzazione e il potenziamento del sistema di raccolta differenziata attraverso l’implementazione del sistema di trasporto, di attrezzature ed isole ecologiche smart”. O la riqualificazione ecosostenibile del lungomare di Barcarello (4,2 milioni), il cui progetto era già pronto e andava solo corretto dopo la bocciatura, lo scorso dicembre, da parte della Regione Siciliana, che lo dichiarò “inammissibile/irricevibile” e lo escluse dai fondi Po Fesr insieme alla rinaturalizzazione della foce dell’Oreto. Ora Palazzo delle Aquile, come promesso, ci riprova con i fondi del Pon React.

Gli altri progetti sono: la creazione di un Sistema informativo ambientale comunale (1,1 mln); la costituzione di una “Control room”, un Centro operativo per il monitoraggio integrato dei servizi digitali, della mobilità e dell’energia (2 mln); la riforestazione della Riserva naturale orientata di Monte Pellegrino (5 mln); il progetto “Verde diffuso e connettività verde”, ossia la messa a dimora di nuovi alberi nelle ville storiche e nelle aree verdi cittadine e l’acquisto di nuovi arredi urbani e di attrezzature e mezzi per la manutenzione del verde (5 mln); “Palermo on foot”, ovvero la fornitura di arredi di quartiere per la creazione di nuove aree pedonali e la rigenerazione urbana di alcune zone della città (1 mln); fondi all’Amministrazione per potenziare lo smart working dei dipendenti comunali (2,1 mln); interventi di valorizzazione e rigenerazione ambientale e paesaggistica della costa dell’Addaura (953mila euro), altro progetto che qualche mese fa la Giunta aveva promesso di rilanciare; progetti individuali per le persone con disabilità (5,7 mln); infine 1 milione per “l’assistenza tecnica specialistica ai progetti in quota React/Eu finanziati nell’ambito della risposta dell’Unione alla pandemia di Covid-19”.

“L’elenco dei progetti – ha commentato Marino – evidenzia la forte caratterizzazione per una ripresa verde digitale e resiliente dell’economia. Mi piace evidenziare la rilevanza degli interventi di riforestazione di Monte Pellegrino sul verde diffuso e relativa connettività, cui si è puntato per operare un significativo incremento del patrimonio verde cittadino. Altrettanto importanti per il recupero ambientale di aree a forte caratterizzazione ecologica sono gli interventi sull’Addaura e sul lungomare di Barcarello, così come quello relativo agli arredi di quartiere per nuove aree pedonali e per la rigenerazione urbana”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684