Il Parco delle Madonie mette a dimora tre "Abies Nebrodensis" - QdS

Il Parco delle Madonie mette a dimora tre “Abies Nebrodensis”

web-j

Il Parco delle Madonie mette a dimora tre “Abies Nebrodensis”

web-j |
domenica 21 Novembre 2021 - 15:03

In occasione della Giornata nazionale dell'Albero sono stati messi a dimora nel Bosco didattico di Perugia tre Abies nebrodensis alla presenza del Presidente del Parco delle Madonie, Angelo Merlino

In occasione della Giornata nazionale dell’Albero, nella giornata di ieri sono stati messi a dimora nel Bosco didattico di Perugia tre Abies nebrodensis, albero endemico della Sicilia.

“Quale migliore specie se non quella con un forte valore simbolico – ha commentato Angelo Merlino, presidente del Parco delle Madonie – Un albero che rappresenta una pianta dalla forte resilienza. Con questo gesto vogliamo dare un messaggio per la salvaguardia dei nostri boschi e di tutti gli alberi. Le tre piante, qui a Perugia – ha aggiunto – sintetizzano gli sforzi, il sacrificio e il lavoro di tutti coloro che ogni giorno si impegnano per la salvaguardia dei nostri alberi, dagli studiosi ai semplici cittadini”.

L’evento è stato organizzato dalla Pefc Italia, associazione senza fini di lucro che costituisce l’organo di governo nazionale del sistema di certificazione Programme for Endorsement of Forest Certification schemes, cioè il Programma di Valutazione degli schemi di certificazione forestale. Erano presenti, tra gli altri: Otello Numerini, assessore Aree verdi e infrastrutture del Comune di Perugia, Paolo Befani, consigliere comunale del Comune di Perugia, e Antonio Brunori, Segretario generale Pefc Italia.

L’Abies nebrodensis è inserito nella lista delle cinquanta specie botaniche più minacciate dell’area mediterranea. Considerato estinto, è stato riscoperto nel 1957 nel Parco delle Madonie, dove ne sono rimasti trenta esemplari, protetti nel corso degli anni grazie a diversi progetti, come la creazione di una barriera per isolare e proteggere le piante madri e di una criobanca dove viene conservato il germoplasma in purezza per impollinare manualmente le piante ed evitare di incorrere in processi di ibridazione con altre specie.

“Un lavoro di fino svolto nell’ottica della valorizzazione di un monumento naturale – ha sottolineato il presidente del Parco delle Madonie – Attualmente a parte i trenta esemplari, ne abbiamo qualche altro migliaio nei vivai e in giro per l’Italia. Nonostante ciò, dobbiamo tenere sempre alta l’attenzione”.

Mario Catalano Twitter:@MarioCatalano2

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684