Pescatori in Libia, "Non diventi un'emergenza di serie B” - QdS

Pescatori in Libia, “Non diventi un’emergenza di serie B”

redazione

Pescatori in Libia, “Non diventi un’emergenza di serie B”

sabato 31 Ottobre 2020 - 00:00

Lo ha detto Matilde Siracusano, deputata siciliana di Forza Italia. “Troppi i silenzi e troppi i punti interrogativi” sulla vicenda dei diciotto pescatori di Mazara del Vallo sequestrati al largo di Bengasi due mesi addietro

ROMA – “Non si ha ancora alcuna notizia sui 18 pescatori sequestrati, con due pescherecci di Mazara del Vallo (Trapani), lo scorso primo settembre dalle autorità libiche a largo di Bengasi. Oggi sono 60 giorni da quel tragico giorno, 60 giorni di silenzi e di tanti, troppi, punti interrogativi”.
Così Matilde Siracusano, deputata siciliana di Forza Italia.

“Due giorni fa il consigliere diplomatico del presidente del Consiglio, l’ambasciatore Pietro Benassi, ha nuovamente incontrato una delegazione composta dal sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, e da un familiare dei fermati. Non sono, però, emerse novità rilevanti – aggiunge -. Non sembra esserci ancora all’orizzonte un possibile imminente rilascio. Il governo è, legittimamente, impegnato per contrastare il Covid e per le misure per contenere il contagio e la crisi economica, ma questa vicenda non può essere derubricata a emergenza di serie B”.

“I nostri concittadini aspettano con ansia di essere liberati; le loro mogli, i loro figli, i loro cari, vivono da due mesi nella disperazione più totale. Ci aspettiamo che il premier Conte e il ministro degli Esteri Di Maio diano una decisa accelerazione ai contatti diplomatici e alle trattative per risolvere positivamente e al più presto questa grave situazione. Risposte subito, l’Italia faccia sentire la sua voce a livello internazionale”, conclude Siracusano.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684