Pnrr e Next generation Eu sfide per gli amministratori italiani U35 - QdS

Pnrr e Next generation Eu sfide per gli amministratori italiani U35

redazione

Pnrr e Next generation Eu sfide per gli amministratori italiani U35

mercoledì 29 Settembre 2021 - 03:30

Si è svolta a Roma il 24 e 25 settembre l’XI Assemblea programmatica di Anci Giovani

L’attuazione del Pnrr e la Next generation Eu non possono prescindere dal punto di vista dei giovani amministratori che stanno guidando le loro comunità in un momento così delicato. Questo, in sintesi, è emerso nel corso dell’XI Assemblea programmatica di Anci Giovani svoltasi a Roma il 24 e 25 settembre scorsi.

“I giovani amministratori devono essere i protagonisti della sfida del Pnrr adesso, cogliendo un’occasione che non capiterà più. Le città di domani devono costruirle coloro che sono il futuro, non il passato del Paese. Voi giovani ce lo dite nella realtà di tutti i giorni”, ha dichiarato il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, che ha citato alcuni esempi per i quali il punto di vista dei giovani amministratori è fondamentale: “Dalle politiche sociali, con gli asili nido che possono essere uno snodo cruciale per conciliare lavoro e famiglie, visto che ormai non esiste più l’ammortizzatore sociale dei nonni”; alle politiche della mobilità sostenibile, perché “solo un giovane può usare al meglio le esperienze di confronto con le capitali europee che la vostra generazione ha conosciuto con il boom delle low cost”. Senza dimenticare il capitolo dello sport e degli spazi attrezzati che “solo voi che vivete uno stile di vita sano potete apprezzare a pieno, perché è il vostro stile di vita”.

Il presidente Anci si è, inoltre, soffermato sul momento cruciale della ripartenza del Paese. “Non dobbiamo avere l’obiettivo di tornare all’Italia di venti mesi fa, che era un Paese ingiusto e poco forte. Grazie alle risorse del Pnrr, dobbiamo invece costruire un Paese più giusto e che possa riassorbire le differenze territoriali, sociali e sul fronte della parità di genere. Con la pandemia è cambiato tutto, ma abbiamo avuto la possibilità di capire le cose che vanno e quelle che invece non funzionano”.

A Palermo, ai Cantieri Culturali della Zisa, si è invece svolta l’Assemblea annuale di Anci Sicilia Giovani dal titolo “Le idee dei giovani Amministratori siciliani per il Pnrr”. Un incontro la cui importanza è stata sottolineata anche dal presidente di Anci Sicilia, Leoluca Orlando. “Non posso che essere soddisfatto – ha commentato – di questa condivisione d’impegno che lega l’Anci Sicilia ad Anci Giovani, che rappresenta la forza trainante e segna il cambiamento complessivo dell’associazione. Il Pnrr rappresenta una grossa opportunità che purtroppo molti Comuni non sono, in questo momento, in grado di utilizzare per motivi normativi e organizzativi. Per tali ragioni invito i giovani a essere propositivi tenendo sempre presente la grande scommessa e le innumerevoli possibilità che il Piano rappresenta”.

“In questo contesto storico – ha aggiunto Mario Emanuele Alvano, segretario generale dell’Associazione dei Comuni siciliani – in cui tutto quello che viene fatto o programmato è dettato dalla pandemia, affrontare le tematiche collegate al Pnrr è estremamente importante poiché sottolinea una sensibilità e un’attenzione maggiore alle difficoltà dei comuni, evidenziando come amministrarli sia diventato molto più faticoso. C’è, quindi, la necessità di potenziare la macchina amministrativa, di avere misure mirate, di guardare a queste risorse con spirito diverso per valorizzare anche il tessuto produttivo che fa reddito e contribuisce in maniera concreta all’economia della Regione”.

“I giovani amministratori – ha concluso Leonardo Spera, coordinatore regionale di Anci Sicilia Giovani – rappresentano certamente il futuro delle nostre comunità. Siamo certi che sapranno trovare nuovi percorsi per superare le difficoltà di progettazione che affliggono, in particolare, molte Amministrazioni locali siciliane e per favorire la crescita dei nostri territori”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684