Presidi, contrari stop vaccinazione docenti, categoria a rischio - QdS

Presidi, contrari stop vaccinazione docenti, categoria a rischio

web-j

Presidi, contrari stop vaccinazione docenti, categoria a rischio

web-j |
martedì 13 Aprile 2021 - 11:55

“A causa di ritardi che ci sono stati in varie Regioni nella vaccinazione degli anziani, evidentemente a livello governativo si è deciso di reagire fermando le macchine relative alle vaccinazioni delle categorie per concentrarsi sui soggetti più anziani: ovviamente noi siamo favorevoli a alla vaccinazione dei più fragili, quello che su cui non siamo d’accordo che ci debba essere uno stop nel canale scolastico. E` una categoria che per ragioni professionali dovrebbe essere vaccinata, in quanto a contatto con tantissime persone ogni giorno. Quasi il 75% del personale scolastico aveva già ricevuto la prima dose”. Così Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, ai microfoni di Radio Cusano Campus sullo stop alle vaccinazioni per i docenti e il personale scolastico.

Sulla riapertura delle scuole il presidente Anp ricorda come “sull’importanza della scuola in presenza sono tutti d’accordo a parole, i fatti dicono altro. Bisognava organizzare un piano di screening con i tamponi e non si è fatto, così come il piano trasporti. Posso testimoniare il grande impegno della ministra Azzolina prima e del ministro Bianchi adesso, è un problema di governo, il coordinamento tra scuola-sanità e trasporti è responsabilità collegiale dell’esecutivo. Di fatto si va avanti sperando che ci si vaccini tutti. Senza un’azione coordinata, un sistema come quello scolastico non riesce ad intervenire perché le soluzioni non possono essere di comparto, devono essere intersettoriali”.

Sulla dad e il caso della ragazza bendata durante l’interrogazione, per Giannelli “noi dovremmo cambiare un po` il modo di considerare la valutazione. Troppo spesso è ancorata a logiche superate. E` chiaro che se stiamo a distanza le logiche non possono essere le stesse. La didattica e la valutazione della didattica devono ammodernarsi ed assumere aspetti diverse. Una valutazione che può essere messa in crisi da una sbirciata sul libro è una valutazione inadeguata. Quando io chiedo qualcosa ad un alunno per valutare le sue competenze, non devo chiedergli qualcosa che può semplicemente leggere su un libro, è un errore di metodologia. Dovrebbe esserci un piano di aggiornamento per i docenti. In una didattica moderna, digitale, si deve utilizzare qualche metodologia più moderna. La parte nozionistica dovrebbe avere un valore minore rispetto al ragionamento, perché se uno studente impara a memoria una nozione senza capirla poi la dimentica in fretta”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684