Progetto “Case a 1 euro” anche a Canicattì, iniziativa al vaglio del Consiglio comunale - QdS

Progetto “Case a 1 euro” anche a Canicattì, iniziativa al vaglio del Consiglio comunale

redazione

Progetto “Case a 1 euro” anche a Canicattì, iniziativa al vaglio del Consiglio comunale

giovedì 31 Ottobre 2019 - 00:00
Progetto “Case a 1 euro” anche a Canicattì, iniziativa al vaglio del Consiglio comunale

I soggetti interessati dovranno cedere l’immobile all’Ente locale, che li cederà per la ristrutturazione. La Giunta ha approvato la proposta di deliberazione. Adesso tocca al Civico consesso

CANICATTÌ (AG) – Il progetto delle “Case a 1 euro” continua a diffondersi sul territorio agrigentino.

L’assessore allo Sviluppo territoriale, Rosa Maria Corbo, ha infatti informato che in Giunta è stata approvata la proposta di deliberazione n. 134/2019, da portare al vaglio e conseguente approvazione del Consiglio comunale.

“Si tratta – hanno specificato dal Comune – di un regolamento per un’iniziativa finalizzata al recupero del nostro centro storico e alla sua rivitalizzazione abitativa con famiglie, botteghe artigiane e attività turistico-ricettive attraverso piani, regolamenti, agevolazioni e semplificazioni procedurali contribuendo alla crescita socio-economica della città”.

“I proprietari di fabbricati – hanno specificato dall’Ente – sia non abitabili che abitabili, in condizioni di evidente degrado strutturale, statico, igienico-sanitario, che si trovino in condizioni economiche tali da non poter sostenere le spese di ripristino o di pagamento delle tasse che gravano sull’immobile, potranno aderire all’iniziativa disfacendosi della costruzione al prezzo simbolico di 1 euro”.

Il soggetto interessato dovrà cedere l’immobile al Comune, al suddetto prezzo simbolico, per un periodo di tre anni, tempo necessario all’Ente a pubblicizzare l’avviso, a fornire consulenza e collaborazione, a raccogliere manifestazioni d’interesse all’acquisto, a predisporre gli atti per l’assegnazione degli immobili. Gli acquirenti dovranno attivarsi a ristrutturare e recuperare gli immobili. Il Comune assegnerà i fabbricati agli interessati secondo lo stretto ordine cronologico di acquisizione della manifestazione di interesse al protocollo generale dell’Ente.

Si aspetta adesso la valutazione dell’atto da parte del Consiglio comunale, ma è assai probabile che anche Canicattì possa seguire la strada già avviata con successo da numerosi Enti locali siciliani.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684