Ragusa, donne e lavoro, in pandemia persi 1.200 posti di lavoro - QdS

Ragusa, donne e lavoro, in pandemia persi 1.200 posti di lavoro

Stefania Zaccaria

Ragusa, donne e lavoro, in pandemia persi 1.200 posti di lavoro

sabato 20 Febbraio 2021 - 00:00
Ragusa, donne e lavoro, in pandemia persi 1.200 posti di lavoro

Il Covid allarga il gender gap: secondo l’Istat, nella provincia iblea da marzo 2020 l’occupazione femminile ha subito un pesante calo. Carasi, Ust-Cisl: “Condizione drammatica, servono interventi urgenti”

RAGUSA – Conciliare lavoro e famiglia diventa sempre più difficile e la pandemia ha sicuramente peggiorato la “condizione lavorativa” delle donne. Purtroppo non si tratta di supposizioni ma di una ricerca dell’Istat, resa nota in provincia dal segretario dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi.

“Manca, anche dalle nostre parti – ha sottolineato l’esponente del sindacato – un’effettiva politica per conciliare lavoro e famiglia. E la crisi causata dalla pandemia non ha fatto altro che aggravare la situazione”.

I dati elaborati dall’Istat mostrano che nell’area iblea da quando è iniziata la crisi dettata dall’emergenza sanitaria, ossia dal marzo 2020, si sono persi circa 1.200 posti di lavoro in ‘rosa’ a fronte dei 500 perduti dagli uomini.

“Insomma – ha sottolineato Vera Carasi – il Covid non ha fatto altro che peggiorare una situazione già molto penalizzante per le donne. Quanto accade nell’area iblea, a ogni modo, è, purtroppo, lo specchio di quanto si verifica nel resto del nostro Paese visto che siamo penultimi in Europa con un tasso di occupazione femminile che non arriva al cinquanta per cento contro una media Ue del 63 per cento. È quello che succede anche dalle nostre parti: una donna su quattro, infatti, è costretta a dimettersi al momento della prima gravidanza. Anche perché spesso non ha scelta”.

Il divario occupazionale di genere esiste, inutile negarlo, e la politica dovrebbe impegnarsi a ridurlo, con provvedimenti mirati e lungimiranti.

“La maggior parte, ancora oggi – ha aggiunto la rappresentante dell’Ust Cisl – ritiene giusta l’affermazione che il ruolo primario della donna è occuparsi della cura della casa e dei figli. Con queste premesse, diventa davvero complicato avere la meglio sul divario occupazionale di genere. La Cisl ritiene che questi stereotipi vecchi, triti e ritriti, debbano essere combattuti. Un maggiore accesso femminile al lavoro farebbe aumentare in modo significativo il Pil anche su base locale. Basti pensare che in una famiglia in cui la donna lavora, aumenta subito il consumo di beni e servizi”.

“Inoltre – ha sottolineato – l’occupazione femminile riduce il rischio di povertà delle famiglie e incide positivamente sulla scelta della maternità. I settori più colpiti dal Covid, lo sappiamo, sono stati, per quanto riguarda le lavoratrici, il terziario, il turismo, la ristorazione, il commercio, ma anche numerose attività artistiche e dell’intrattenimento. Sono settori tra i più penalizzati dalle misure di distanziamento sociale, nei quali le donne sono percentualmente più presenti”.

“Una condizione davvero drammatica che – ha concluso il segretario Carasi – merita tutta la nostra attenzione con tutele alle donne che hanno perso il lavoro attraverso l’attivazione di interventi di sostegno urgenti”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684