Covid, progetto riabilitazione pazienti e telemedicina al S.Marco - QdS

Covid, progetto riabilitazione pazienti e telemedicina al S.Marco

web-iz

Covid, progetto riabilitazione pazienti e telemedicina al S.Marco

web-iz |
lunedì 18 Gennaio 2021 - 16:58

Deficit delle funzioni polmonari, astenia e difficoltà motorie sono alcuni de sintomi dei pazienti Covid positivi. Al San Marco parte il progetto di riabilitazione: inizia in ospedale e continua in casa, dopo le dimissioni

Al via all’ospedale S. Marco di Catania un progetto di terapia riabilitativa respiratoria per i pazienti affetti da infezione e polmonite interstiziale da Covid 19 grazie anche a una donazione effettuata dalla ditta Zaccà Sport. L’obiettivo finale è quello di facilitare il recupero dei pazienti – che spesso richiede tempi non brevi e il supporto anche di personale specialistico dedicato – attraverso la terapia in reparto e, dopo, direttamente in casa (telemedicina).

riabilitazione pazienti coronavirus catania
La cyclette e il tapis roulant donati da Zaccà Sport al S. Marco

La riabilitazione dei pazienti positivi al virus

Anche nei pazienti affetti da coronavirus la fisioterapia respiratoria svolge un ruolo determinante nel recupero della funzione respiratoria e conseguente miglioramento dello stato di salute e della qualità di vita del paziente, sia durante lo stato di malattia, che dopo nel periodo post Covid. La malattia comporta spesso difficoltà respiratoria più o meno grave in relazione alla sua entità, ma anche astenia e difficoltà di movimento nelle attività routinarie giornaliere che influiscono negativamente pure dal punto di vista psichico.

Il progetto, coordinato da Nunzio Crimi – direttore della Pneumologia del S. Marco e del Policlinico – si articola in due fasi: la prima si svolge direttamente in ospedale e prevede una terapia riabilitativa respiratoria per i pazienti ricoverati nei reparti di Pneumologia del San Marco, affetti da infezione e polmonite interstiziale da Covid 19, la seconda da svolgersi direttamente al domicilio dei pazienti, una volta dimessi, in telemedicina.

I pazienti affetti da Covid durante il periodo di ricovero necessitano di un supporto riabilitativo quanto più precoce possibile per facilitare il recupero funzionale respiratorio e promuovere la ripresa delle attività quotidiane e soprattutto quelle motorie. Infatti uno degli effetti più devastanti e precoci dell’infezione da Covid-19 è il deficit della funzione polmonare con quadri più o meno gravi, problemi di insufficienza respiratoria secondaria, a ciò si aggiunge un deficit dell’attività motoria del paziente, conseguente alla stessa insufficienza respiratoria e conseguente all’allettamento che questi soggetti subiscono per diverse settimane o mesi.

Telemedicina, un valido supporto durante la convalescenza in casa

Raggiunto l’obiettivo del recupero della funzione respiratoria, motoria e cardiocircolatoria dei pazienti dopo la fase acuta dell’infezione, il secondo obiettivo da raggiungere con la riabilitazione è quello di far loro superare la convalescenza in casa. In questo periodo molti pazienti necessitano di continuare la riabilitazione respiratoria e – data l’impossibilità di accedere facilmente alle strutture ospedaliere – è stata prevista l’attivazione della riabilitazione respiratoria attraverso un sistema di telemedicina.
I pazienti continueranno a casa, nel proprio domicilio, il percorso iniziato in ospedale, attraverso un collegamento telematico con l’unità operativa di pneumologia del policlinico. Il percorso riabilitativo sarà assistito da fisioterapisti, che per appuntamento ogni giorno effettueranno in collegamento web le sedute di riabilitazione con i pazienti contemporaneamente collegati per gruppi.

Il progetto è stato realizzato anche grazie al supporto fornito dall’azienda catanese “Zaccà sport”, che ha consegnato al reparto di Pneumologia del San Marco, lo scorso sabato, un tapis roulant e una cyclette che consentiranno ai pazienti di iniziare il percorso riabilitativo già all’interno dello stesso reparto. Alla ditta va un grazie particolare per la sensibilità dimostrata nei confronti del reparto e dei pazienti in cura.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684