Rincari, gli italiani tagliano spese. Codacons: "Riduzione è realtà" - QdS

Rincari, gli italiani tagliano le spese. Codacons: “Riduzione sempre più grave in futuro”

web-sr

Rincari, gli italiani tagliano le spese. Codacons: “Riduzione sempre più grave in futuro”

web-sr |
venerdì 23 Settembre 2022 - 19:11

Due cittadini sue tre sono costretti a tagliare le spese a causa degli aumenti sconsiderati dei prezzi in più comparti. Il Codacons: "Riduzione già realtà, sarà sempre peggio".

“Non solo energia e gas. Sul fronte dei consumi gli italiani stanno già tagliando la spesa anche per voci primarie come gli alimentari, mettendo in tavola sempre meno cibo e acquistando negli esercizi dove i prezzi sono più bassi”.

Lo afferma il Codacons, commentando il sondaggio condotto da Legacoop e Ipsos che parla di una riduzione dei consumi per 2 italiani su 3 a causa dell’aumento dei prezzi.

Meno viaggi, acquisti e consumi energetici

Nel sondaggio, in particolare, viene sottolineato che in queste settimane l’87% degli italiani è stato costretto “a ridurre o evitare i consumi di energia elettrica e di gas, l’84% le cene fuori, l’83% i viaggi, l’82% lo shopping e i divertimenti“.

“La riduzione dei consumi è già oggi una realtà, destinata purtroppo ad aggravarsi nei prossimi mesi”, spiega il presidente Carlo Rienzi.

”Il caro energia e l’inflazione alle stelle hanno oramai prodotto un calo degli acquisti da parte delle famiglie, che non solo comprano meno, ma modificano profondamente le proprie abitudini”, osserva Rienzi.

“Italiani tagliano anche spesa sul cibo”

“L’escalation dei prezzi degli alimentari, ad esempio, ha portato nell’ultimo periodo ad un crollo delle vendite del comparto, diminuite secondo l’Istat del 3,6% su base annua”, prosegue.

Quindi gli italiani, per far quadrare i conti, sono “costretti a tagliare anche la spesa per il cibo‘” afferma il presidente.

“Cambiano anche le abitudini dei consumatori: per sostenere costi in continua ascesa le famiglie ricorrono sempre più spesso ai discount alimentari, basandosi sul prezzo come elemento per orientare le proprie scelte. Non a caso tale tipologia di esercizio ha registrato un incremento delle vendite del 12,3% su base annua”, conclude Rienzi.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684