Salute e benessere in Sicilia, centrati solo alcuni obiettivi - QdS

Salute e benessere in Sicilia, centrati solo alcuni obiettivi

Serena Giovanna Grasso

Salute e benessere in Sicilia, centrati solo alcuni obiettivi

giovedì 31 Ottobre 2019 - 00:00
Salute e benessere in Sicilia, centrati solo alcuni obiettivi

Il report Asvis ha misurato il grado di raggiungimento dei diciassetti parametri perseguiti dall’Agenda 2030. Nell’Isola male crescita economica e lavoro (-9% nel 2017 rispetto al 2010), bene parità di genere (+7%)

PALERMO – “Assicurare salute e benessere per tutti e per tutte le fasce d’età”, “istruzione di qualità, equa ed inclusiva, e promozione di attività di apprendimento permanente per tutti”, “uguaglianza di genere e empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze” e “crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, e un lavoro dignitoso per tutti”: questi sono alcuni dei diciassette obiettivi di salute e benessere perseguiti dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. L’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis) nel report “L’Italia e gli obiettivi di sviluppo sostenibile” ha analizzato l’andamento di questi parametri nelle venti regioni italiane e l’evoluzione rispetto al 2010.

Nel 2017, rispetto a sette anni prima, in Sicilia il parametro relativo alla crescita economica e al lavoro ha subito una variazione fortemente negativa (-9%), causata da un generale peggioramento di tutti gli indicatori elementari, in particolare dall’aumento del tasso di disoccupazione e dall’incremento della quota di part-time involontario sul totale degli occupati. Importanti peggioramenti, seppur meno sostenuti, hanno riguardato anche la “protezione e ripristino di un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre, gestione sostenibile delle foreste, contrasto della desertificazione, blocco della perdita di biodiversità” (-4%) e il parametro che misura la capacità di “rendere le città inclusive, sicure e sostenibili” (-2%).

D’altra parte, la Sicilia mostra un miglioramento consistente relativamente al raggiungimento di “uguaglianza di genere e empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze” (+10% in sette anni) e alla “riduzione delle disuguaglianze” (+8%). L’obiettivo relativo alla parità di genere deve i propri progressi all’aumento della quota di donne elette nel Consiglio Regionale e del rapporto di femminilizzazione del tasso di occupazione. Mentre la variazione positiva del secondo obiettivo è dovuta all’aumento del tasso di variazione del reddito familiare pro capite per il totale della popolazione e di quello per il 40% più povero. Incrementi modestamente positivi hanno riguardato anche l’obiettivo di “salute e benessere per tutti e per tutte le fasce d’età” (+4%).

Il report Asvis sottolinea positivamente come l’ultima Legge di Bilancio 2019 ha interrotto la tendenza alla diminuzione delle risorse destinate al Servizio sanitario nazionale stanziando 114,439 miliardi di euro per il 2019 e prevedendo un incremento di 2 miliardi nel 2020 e di 1,5 miliardi nel 2021, cui vanno aggiunti finanziamenti aggiuntivi destinati alle regioni per i medicinali innovativi e oncologici.

Inoltre, Asvis segnala anche l’aumento del fondo per l’inclusione lavorativa con cui l’Inail rimborsa al datore di lavoro il 60% della retribuzione corrisposta al lavoratore disabile destinatario di un progetto reinserimento a seguito di uno stato di inabilità temporanea. Aumentati pure i fondi per caregiver (+5 milioni di euro per ciascun anno del triennio) e quelli per la mobilità dei disabili.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684