#Scenapride sale sul palco di Spazio Franco, alla Zisa - QdS

#Scenapride sale sul palco di Spazio Franco, alla Zisa

redazione

#Scenapride sale sul palco di Spazio Franco, alla Zisa

venerdì 23 Ottobre 2020 - 00:00
#Scenapride sale sul palco di Spazio Franco, alla Zisa

A Palermo due spettacoli, uno dei quali dedicato all’omicidio di Giorgio e Tony, a Giarre, nel Catanese. “Il Palermo Pride e la sua elaborazione politica sono in grado di stimolare l’atto creativo”

PALERMO – Lo Spazio Franco, ai cantieri culturali alla Zisa, diventa spazio di elaborazione per i temi di genere grazie a due anteprime teatrali prodotte dal coordinamento Palermo Pride e dall’associazione culturale Babel che compongono la mini rassegna #Scenapride: a essere esplorate e messe in opera sono alcune delle dinamiche legate all’identità di genere e all’affettività che passano in un caso dalla cronaca anni Ottanta con il delitto di Giarre e nell’altro dal processo attoriale di immedesimazione nel personaggio fino alla scoperta di sé.

Con “Due millimetri”, in scena giovedì 29 e venerdì 30 ottobre, gli attori e autori Dario Muratore e Massimo Vinti diventano due giovani adulti che, muovendosi in uno spazio-non spazio onirico ed elettronico, si domandano cosa significhi essere “quasi abbracciati” o come sia possibile tenersi “quasi per mano”. Un lavoro che si vuole porre come contraltare evocativo, come recupero e come inchiesta che risvegli le coscienze sul delitto di Giarre a quarant’anni da quando è stato consumato e come, infine, tributo a Giorgio e Toni: trovati morti ma ancora mano nella mano, uccisi dall’omofobia il 31 ottobre del 1980. Un delitto ancora oggi senza un colpevole che fece sbocciare il germoglio del movimento Lgbt+ in Italia: all’indomani del caso di cronaca, tra manifestazioni e proteste, i militanti diedero vita ad Arcigay.

“A rendere speciale questa occasione è il quarantennale del delitto di Giarre – sottolinea Pietro Pitarresi, coordinatore del Palermo Pride – momento storico di fondamentale importanza per il movimento siciliano poiché ne rappresenta l’origine”.

Segue venerdì 6 e sabato 7 novembre Giuseppe Sangiorgi con il suo “Sweet transvestite”: un titolo che è un chiaro riferimento al brano cardine del musical degli anni settanta “The rocky horror show” e che è una narrazione alternativa de “La dodicesima notte” di William Shakespeare. In scena Serena Barone, Oriana Martucci e Federica Palmeri per un progetto che inizialmente avrebbe dovuto coinvolgere un folto numero di attrici e attori ma che ha dovuto trasformarsi a causa delle limitazioni dettate dai protocolli attivi in contrasto al Covid. Proprio il travestimento come necessità creativa diventa il centro del progetto e oltrepassa le interpretazioni di genere, che già sono caratteristiche dell’opera shakespeariana. “Sweet transvestites” parte quindi da un vuoto e racconta il processo di riempimento che ogni attore e ogni attrice devono affrontare per dare un senso alla propria presenza sulla scena: un’indagine che parte dal testo ma lo tradisce e procede senza regole verso la scoperta di sé stessi.

Un’interlocuzione, quella tra Palermo Pride e Spazio Franco, avviata da diverso tempo e che segna un passaggio importante per la storia della programmazione artistico-culturale del Palermo Pride. “Per la prima volta non ospitiamo spettacoli teatrali già prodotti ma ne siamo compartecipi fin dall’inizio – commenta il direttivo del coordinamento Palermo Pride – segno che il Palermo Pride e la sua elaborazione politica sono ormai in grado di stimolare l’atto creativo e fornire l’input anche alla realizzazione di opere teatrali”.

“Quando il Palermo Pride ci ha chiesto di entrare nel comitato promotore – dichiara Giuseppe Provinzano di Spazio Franco – abbiamo accolto l’invito con orgoglio sapendo sin da subito che il nostro compito sarebbe stato quello di curare con competenza i processi artistici, processi che da sempre hanno avuto un ruolo importante nelle attività del Pride. Il piano sociale e politico va infatti spesso a braccetto con il piano artistico e creativo nei linguaggi contemporanei e questa collaborazione ne è una piccola grande dimostrazione. La voglia di presentarli in anteprima, nonostante le difficoltà contingenti, mostra tutta la serietà di una collaborazione sulla quale puntiamo molto per una progettualità di lungo corso. Per noi di Spazio Franco queste anteprime sono anche un forte input per immaginare una stagione teatrale che sia di reazione a questi tempi difficili”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684