Scuola, Prefetto Palermo: “Ordinanze dei sindaci impugnate da cittadini” - QdS

Scuola, Prefetto Palermo: “Ordinanze dei sindaci impugnate da cittadini”

redazione

Scuola, Prefetto Palermo: “Ordinanze dei sindaci impugnate da cittadini”

giovedì 13 Gennaio 2022 - 19:34

PALERMO (ITALPRESS) – In Sicilia molte scuole sono rimaste chiuse con ordinanza dei sindaci, decisione presa a pochissime ore dalla loro apertura disposta dalla Regione a seguito della riunione della task force. Così, già da oggi, gli studenti della maggior parte dei comuni siciliani rimarranno a casa fino a domenica, vista la delicata situazione epidemiologica. Questo per un rimpallo tra Regione e Comune, con in mezzo i Presidi che sperano almeno di attivare la Dad.
Palermo, Catania, Siracusa, Trapani, Enna, Messina e Agrigento, dopo la presa di posizione dell’Anci Sicilia, hanno optato per la chiusura. Con Messina e Agrigento che hanno visto però immediatamente impugnate le ordinanze. Ma non solo, perchè ultimo in ordine di tempo è stata iscritta a ruolo al Tar Palermo al numero 64/2022 anche l’ordinanza del Comune di Palermo. Con istanza di emissione di decreto cautelare.
“L’impugnativa delle ordinanze è stata sempre fatta da chi ne abbia interesse”, spiega all’Italpress, il prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, che aggiunge: “L’articolo 50 del Tuel – Testo Unico Enti Locali attribuisce al sindaco la possibilità di emettere un’ordinanza come amministratore, come capo dell’amministrazione. Ed a Messina l’impugnativa è stata fatta dai cittadini. Ribadisco il ricorso può essere impugnato da chiunque. Se fosse stato adottato con altre formule – articolo 54 del Tuel – come ufficiale di governo il Prefetto avrebbe potuto annullarla. Nelle ordinanze dei sindaci, invece, viene richiamato il ricorso gerarchico al presidente della Regione, come autorità sanitaria, o al Tar. Abbiamo già richiamato ieri l’attenzione dei sindaci sul quadro normativo, adesso c’è anche un’ordinanza dal Tar della quale metteremo a conoscenza i sindaci”.
(ITALPRESS).

Articoli correlati

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684