Se l’alunno minaccia, i genitori risarciscono - QdS

Se l’alunno minaccia, i genitori risarciscono

Sebastiano Attardi

Se l’alunno minaccia, i genitori risarciscono

martedì 30 Marzo 2021 - 00:00

La maleducazione regna sovrana non solo tra gli alunni, ma soprattutto tra costoro ed i loro insegnanti

La scuola è, o dovrebbe essere, per ogni alunno la seconda casa dove egli deve comportarsi bene e con educazione. Invece, nella realtà quotidiana, non è affatto così. La maleducazione regna sovrana non solo tra gli alunni, ma soprattutto tra costoro ed i loro insegnanti, che spesso vengono considerati persone alle quali si può dire e si può fare tutto quel che si vuole, tanto essendo minori, gli alunni non rispondono penalmente e neanche economicamente.

C’è un però: quando l’alunno è maleducato – perché i genitori non hanno impartito le regole del buon vivere civile, del rispetto degli altri e delle cose altrui – per quanto riguarda i danni provocati alla scuola od agli insegnanti rispondono economicamente i loro genitori.

L’ha stabilito il Tribunale di Sondrio – con la recente sentenza n. 63 2021 in relazione ai danni provocati dalle manifestazioni d’ indisciplina, negligenza ed irresponsabilità del minore in ambito scolastico – riconoscendo la responsabilità sia dello stesso alunno che dei genitori per l’atteggiamento altamente minaccioso e violento del ragazzo nei confronti dell’ insegnante. Una lettura dei fatti accaduti che il Giudice ha ritenuto e definito “rigorosa”, sottolineando che è necessario che i genitori impartiscano all’alunno anche l’interesse “ economico” , impartendo, ai propri figli, la giusta educazione per sospingerli a percepire concretamente il disvalore sociale di certi comportamenti. Infatti, non è lecito distruggere materiale scolastico né offendere o minacciare i professori.

Su questa rigida linea di giudizio, il Tribunale di Sondrio ha quindi condannato – udite, udite – genitori ed alunno a risarcire l’insegnante minacciata, con un risarcimento di danni di ben € 14.500,00 euro, oltre spese legali per circa 4.500,00 euro, e ciò per effetto di alcuni episodi di minacce ed atteggiamenti violenti, tenuti dal minore nei confronti del docente, alla presenza di altri alunni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684