Lo sguardo rivolto al passato - QdS

Lo sguardo rivolto al passato

web-mp

Lo sguardo rivolto al passato

Giovanni Pizzo  |
domenica 24 Aprile 2022 - 09:18

Rifiutare la contemporaneità senza valide spiegazioni artistiche e scientifiche è oscurantismo

Quest’isola ha costantemente lo sguardo rivolto al passato. Alla conservazione di un tempo fuggito. Sarà per questo che le migliori energie, i nostri giovani più preparati, emigrano verso un mondo che inevitabilmente evolve. La polemica innescata dal Presidente Musumeci sulle istallazioni di arte contemporanea della fondazione Merz a Segesta tradiscono l’assunto di un mondo chiuso al futuro, un rifiuto del contemporaneo, per difendersi dall’evolversi del tempo. Un modo reazionario di valorizzare i siti culturali di quest’isola che ha sempre accettato le contaminazioni.

La Sicilia deve la sua storia plurisecolare all’integrazione di culture e stili importati. Dovremmo dare onorificenze e facilitazioni a coloro che investono in cultura nell’isola come la Fondazione Merz, non gravarli da ottuse difese dello status quo, quasi sempre abbandonato a se stesso in un ottica di custodia senza valore. Crescono erbacce e polemiche nei siti archeologici isolani.

Abbiamo un enorme patrimonio gestito con logiche novecentesche e spesso retrograde. Come di retroguardia sono queste polemiche volte solo a cercare un fronte ideologico da marcare, come la costante riesumazione dei borghi del ventennio o di altre opere di non eccelso valore architettonico.

Rifiutare la contemporaneità senza valide spiegazioni artistiche e scientifiche è oscurantismo, si esce dalla cultura, che può generare polemiche estetiche, e si entra in un altro contesto, quello della politica sganciata dalla realtà.

Così è se vi pare.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684