Sicilia, a un anno dalla laurea trova lavoro il 65% contro il 74% in Italia - QdS

Sicilia, a un anno dalla laurea trova lavoro il 65% contro il 74% in Italia

Michele Giuliano

Sicilia, a un anno dalla laurea trova lavoro il 65% contro il 74% in Italia

giovedì 30 Giugno 2022 - 08:39

Dati Rapporto Almalaurea fanno riferimento al tasso di occupazione dei laureati UniPa. Nel 2021 era il 57,7%. L’ottimismo del rettore Midiri: “I numeri sono in netta crescita”

PALERMO – Secondo il rettore dell’Università di Palermo, Massimo Midiri, per i laureati nel capoluogo siciliano va tutto a gonfie vele. “Quest’anno – ha detto Midiri – i dati del Rapporto Almalaurea relativi al nostro Ateneo mettono in evidenza una netta crescita del tasso di occupazione dei laureati UniPa sia ad un anno dal conseguimento del titolo (65,1%, nel 2021 era il 57,7%) sia a cinque anni (85,3% – nel 2021 era l’81,4)”. Un risultato eccellente, sembrerebbe, ma che dimentica di fare riferimento al dato più generale e nazionale, che vede Palermo ancora ben al di sotto dei dati medi nazionali.

In Sicilia il 65,1% dei laureati lavoro entro 1 anno

Nonostante il deciso miglioramento dei dati registrato nell’ultimo anno, nel resto d’Italia sembra andare ancora meglio. Il tasso di occupazione ad un anno, in Sicilia, al 65,1%, è surclassato da un ben più alto 74,6% registrato nell’intero stivale. A cinque anni i numeri si riavvicinano, ma anche in questo caso i valori palermitani si mantengono sotto i valori nazionali: 85,3% contro l’88,5%.

Significativa è l’analisi relativa al lavoro part-time: a un anno dalla laurea nell’ateneo palermitano il 22,6% degli intervistati lavora a tempo ridotto, mentre in Italia il dato scende al 17,5%; lo scarto si mantiene anche a distanza di 5 anni: 11,7% contro l’8,2%. Non meno importante, la retribuzione mensile netta: se ad un anno i dati relativi all’università di Palermo raccontano di un guadagno addirittura leggermente superiore a quello medio nazionale (1.424 euro contro 1.407), a 5 anni la media nazionale recupera (1.524 euro ai laureati a Palermo contro 1.635 ai laureati in altri atenei). I dati vengono fuori dall’indagine sulla condizione occupazionale di Almalaurea, che ha riguardato complessivamente 14.337 laureati dell’università di Palermo.

Tra i laureati di secondo livello del 2020 intervistati a un anno dal conseguimento del titolo, parlando sempre del dato dell’ateneo palermitano, il tasso di occupazione è pari al 65,1% (66,8% tra i magistrali biennali e 63,2% tra i magistrali a ciclo unico). Il 13,2% prosegue il lavoro iniziato prima della laurea, il 9,2% ha invece cambiato lavoro; il 77,6% ha iniziato a lavorare solo dopo il conseguimento del titolo. Soltanto il 18,6% degli occupati può contare su un contratto alle dipendenze a tempo indeterminato mentre il 47,1% su un lavoro non standard; ancora, il 14,8% svolge un’attività autonoma.

A cinque anni, gli occupati assunti con contratto a tempo indeterminato sono il 44,4%, mentre gli occupati che svolgono un lavoro non standard sono il 28,8%; svolge un lavoro autonomo il 19,7%. La soddisfazione percepita è molto alta: il 77,3% degli occupati ritiene la laurea conseguita molto efficace o efficace per il lavoro svolto, mentre il 64,1% dichiara di utilizzare in misura elevata, nel proprio lavoro, le competenze acquisite all’università. Tale soddisfazione si accompagna ad una valutazione dell’esperienza universitaria molto positiva.

Lo sottolinea anche il rettore Midiri: “L’88,8% si dichiara complessivamente soddisfatto, l’86,2% premia il rapporto con i docenti e l’81,8% ritiene adeguato il carico di studio, segno di un ambiente sereno in cui viene fornita una preparazione di alto livello. In particolare – conclude Midiri – è in crescita la percentuale dei fruitori che ritiene adeguate le aule (pari al 74,7%, nel 2021 era il 72%, nel 2020 era il 68,7%, nel 2019 era il 65%) sottolineando la rilevanza della scelta di incrementare gli investimenti in strumentazione tecnologica per soddisfare le esigenze di innovazione di fruizione e di didattica, oltre a quelli di rinnovamento, sul modello dei campus anglosassoni, delle sedi UniPa”. In riferimento al settore scelto per inserirsi nel mondo del lavoro, il 60,2% dei laureati è inserito nel settore privato, mentre il 36,7% nel pubblico; il 3,0% lavora nel non-profit. L’ambito dei servizi assorbe l’85,6%, mentre l’industria accoglie il 13,5% degli occupati; 0,7% la quota di chi lavora nel settore dell’agricoltura.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684