Sintomi post Covid e riabilitazione, studio siciliano mette in guardia - QdS

Sintomi post Covid e riabilitazione, studio siciliano mette in guardia

web-dr

Sintomi post Covid e riabilitazione, studio siciliano mette in guardia

web-dr |
mercoledì 12 Maggio 2021 - 13:40

Oltre il 40% dei pazienti, dopo la guarigione, manifesta problematiche neurologiche, come perdita dell'olfatto e del gusto, vertigini, stato confusionale, depressione e mal di testa ricorrente

Con un articolo dal titolo “Sindrome Neurologica Post COVID-19: Una Nuova Sfida Medica” (Post-acute COVID-19 neurological syndrome: A new medical challenge) pubblicato a marzo sulla rivista internazionale Journal of Clinical Medicine, un gruppo di ricercatori siciliani mette l’allerta sulla nuova sfida medica: il post Covid.

Il mondo scientifico si domanda per quanto tempo la pandemia lascerà segni sulla popolazione. Se da una parte l’avvento dei vaccini anti SARS-CoV-2 sta contribuendo a portare serenità alla popolazione, dall’altra le conseguenze del virus su coloro che hanno contratto la patologia sembrano appena all’inizio.


Infatti, con la sindrome post-Covid si intendono tutta una serie di sintomi, più o meno severi, che colpiscono tra il 70 e l’80% di coloro che hanno superato l’infezione e questo sembrerebbe indipendente dal livello di gravità con cui ne siano stati colpiti.

“Molti studi eseguiti analizzando centinaia di pazienti hanno dimostrato che la stanchezza è il più ricorrente tra i sintomi ed è presente in circa l’80% dei pazienti analizzati.

Tra questi oltre il 40%, dopo la guarigione, manifesta problematiche neurologiche, come perdita dell’olfatto e del gusto, vertigini, stato confusionale, depressione e mal di testa ricorrente” spiega Domenico Nuzzo, coordinatore dello studio e neurobiologo dell’IRIB-CNR di Palermo.

“Spesso si tratta di sintomi inizialmente ritenuti secondari rispetto a quelli più devastanti relativi all’infezione, ma che oggi, grazie anche al progredire delle ricerche scientifiche della conoscenza sulla patologia, ricevono maggiore attenzione” dice Pasquale Piccone, neurobiologo dell’IRIB-CNR e co-autore dello studio.

Dello stesso avviso è Daniela Giacomazza, biologa dell’IBF-CNR, che aggiunge: “Oggi numerosi ricercatori stanno affrontando le problematiche legate all’infezione da SARS-Cov-2 allo scopo di chiarire le manifestazioni cliniche durante e post-infezione”.

Manfredi Rizzo, professore associato di Medicina Interna dell’Università di Palermo fa presente che “il post Covid-19, ad oggi, rappresenta una vera e propria sfida per la comunità medica, e comprendere come intervenire in maniera appropriata su queste problematiche è una priorità anche scientifica. Con Nuzzo e colleghi di prestigiose università estere stiamo continuando gli studi al fine di chiarire meglio le conseguenze cardiometaboliche”.

Lo studio è anche stato diffuso tramite “Encyclopedia” che ha lo scopo di evidenziare i risultati delle ricerche più rilevanti e fornire informazioni di riferimento ai ricercatori di tutto il mondo ed al pubblico interessato ad una conoscenza accurata e avanzata su argomenti specifici. In questo lavoro è stato anche affrontato il ruolo centrale della riabilitazione da Luca Scalisi, direttore sanitario del centro medico “Villa Sarina” di Alcamo, che puntualizza: “La riabilitazione dei pazienti post Covid-19 non può essere separata dall’assistenza medica focalizzata al trattamento di patologie respiratorie, neurologiche e post-infettive.

Pertanto, il programma riabilitativo richiede un approccio multidisciplinare che risponda in modo altamente specifico alle esigenze dell’individuo”. Altri studi sull’analisi dei sintomi specifici potranno chiarire il ruolo svolto dal virus nel provocare manifestazioni prolungate in altri distretti e tessuti. È essenziale pertanto definire meglio le caratteristiche della sindrome post-acuta Covid-19 per identificare le modalità d’intervento più efficaci”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684