Siracusa, troppi incidenti nella zona industriale: partono gli scioperi - QdS

Siracusa, troppi incidenti nella zona industriale: partono gli scioperi

web-mp

Siracusa, troppi incidenti nella zona industriale: partono gli scioperi

web-mp |
venerdì 13 Maggio 2022 - 10:40

Uno sciopero, di due ore, per denunciare i chiari limiti in materia di sicurezza che si registrano a nel polo petrolchimico del siracusano. Fiom e Uilm: "Affrontare tema della sicurezza subito"

Braccia incrociate, questa mattina, in zona industriale. I lavoratori aderenti alla Fiom Cgil ed alla Uilm Uil si sono ritrovati davanti alle portinerie sud e Igcc, protestando dalle ore 8 alle ore 10, per richiamare l’attenzione sul tema della sicurezza sul lavoro, dopo lultimo incidente di due giorni fa nella raffineria Lukoil, con due operai feriti.

Escalation di incidenti nel petrolchimico siracusano

“Questa ennesimo incidente evidenzia le carenze di un sistema industriale che ogni giorno mette pericolosamente in discussione la sicurezza dei lavoratori. – dichiarano in una nota congiunta Fiom e Uilm – Non si può sottovalutare la preoccupante sequenza di incidenti e mancati incidenti che stanno caratterizzando in queste settimane il petrolchimico Siracusano e che evidenziano la necessità cogente di affrontare il tema della sicurezza.

Lo sciopero di due ore indetto da Fiiom e Uilm

Fiom e Uilm unitamente al coordinamento di area hanno dichiarato per il 13 maggio 2022 uno sciopero di due ore per denunciare i chiari limiti in materia di sicurezza che si registrano a Priolo, limiti che stanno diventando ancora più evidenti in questo momento di incertezza sul futuro del Petrolchimico.

Il nostro primo pensiero ai due lavoratori infortunati, ai quali oltre ad esprimere la nostra vicinanza auguriamo una completa guarigione ma quanto è accaduto e troppo spesso accade non è degno di un paese civile.

A tutti i lavoratori va garantito di tornare alla propria famiglia e alla propria casa – prosegue la nota – una volta finito il turno di lavoro, ma quanto successo ieri ci porta a dire che si deve fare di più: tutti i soggetti deputati alla sicurezza sul lavoro devono assumersi le loro responsabilità per evitare altre morti, altri feriti.

Le soluzioni necessarie per garantire sicurezza sul lavoro

Vanno individuate e messe in atto al più presto pratiche ed azioni che vedano prioritaria la sicurezza. Ancora una volta ribadiamo con forza che se si vogliono ridurre gli infortuni sul lavoro è necessario che la gestione della salute e della sicurezza diventi un elemento di qualificazione dell’azienda stessa.

L’obiettivo è zero incidenti

Troppe volte salute e sicurezza sono subordinate a produttività e a competitività, troppe volte la sicurezza viene subordinata al profitto e comunque considerata un costo e, come tale, da abbattere. In queste condizioni nessuno può parlare di fatalità. Non è più tollerabile il continuo verificarsi di incidenti sul lavoro a cadenza quasi settimanale. Bisogna alzare ancora di più l’attenzione, – concludono le sigle sindacali nella nota – i controlli ispettivi e promuovere la formazione continua in tutti i luoghi di lavoro. L’obiettivo deve essere zero incidenti”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684