Siracusa, vaccini, l’Urban Center fa i conti con le criticità - QdS

Siracusa, vaccini, l’Urban Center fa i conti con le criticità

Luigi Solarino

Siracusa, vaccini, l’Urban Center fa i conti con le criticità

venerdì 26 Marzo 2021 - 00:00

Due giorni di disagi per l’hub del capoluogo tra lunghe code e assembramenti. La Cgil: “Situazione incomprensibile, serve un progetto organizzativo più efficace”. L’Asp, intanto, avvia i primi interventi migliorativi

SIRACUSA – Quelle di martedì e mercoledi sono state due giornate critiche, dal punto di vista logistico ed organizzativo, per quanto riguarda la vaccinazione anti-Covid-19 a Siracusa.

Presso il centro hub vaccinale dell’Urban Center, infatti, nella giornata di martedi, si sono formate lunghe code di persone ultra ottantenni, assembrate, al freddo e sotto la pioggia, in attesa del proprio turno per poter essere vaccinate. La Cgil di Siracusa ha criticato quanto successo.

“È quantomeno incomprensibile – scrive in una nota la Cgil aretusea – come si possa verificare una situazione simile, specie se a pagarne le conseguenze sono gli anziani, come peraltro testimoniano le numerose foto pubblicate sui social”.

“Bisogna – continua la nota del sindacato – che venga messo in atto un progetto organizzativo più efficace che possa evitare assembramenti e ed estenuanti file che mettono a dura prova anziani, disabili o soggetti fragili dal punto di vista sociale o sanitario”.

Individuare oltre all’Urban Center di via Malta anche altri siti che possano fungere da hub vaccinali per smaltire le infinite prenotazioni, potrebbe essere una soluzione – prosegue la nota del sindacato – . In ragione, oltretutto, del fatto che la campagna vaccinale dovrebbe diventare sempre più intensa sin dalle prossime settimane, pensiamo che una parte dell’area della cittadella dello sport potrebbe essere adibita ad area logistica vaccinale in modo da garantire sicurezza ai tanti cittadini e alle tante famiglie di lavoratori che nelle prossime settimane dovranno vaccinarsi”.

Chiediamo a tal proposito un intervento del sindaco di Siracusa – conclude il sindacato – affinché intervenga e convochi tutti i soggetti interessati, comprese le forze sociali, per affrontare e risolvere i tanti problemi organizzativi e logistici delle aree destinate alle vaccinazioni, a tutela soprattutto della popolazione anziana e dei soggetti più fragili”.

Mercoledì si sono avuti minori disagi per le attese ma, nel pomeriggio, sono state terminate le dosi disponibili del vaccino AstraZeneca. All’esterno dell’Urban Center, in quel momento, vi erano ancora decine di persone in attesa di potersi vaccinare. Il problema è stato risolto grazie alla disponibilità della Marina Militare, che dalla base di Augusta, ha fatto pervenire circa 400 dosi.

Per far fronte a queste problematiche l’Asp di Siracusa, con il Comune di Siracusa e il Dipartimento Regionale di Protezione civile, ha predisposto una serie di interventi migliorativi già in corso di realizzazione.

A tal riguardo si sta provvedendo a realizzare all’esterno della struttura, con ingresso da via Bengasi, due corridoi A e B delimitati, dedicati a due fasce orarie distinte con a terra indicati i simboli per il rispetto del distanziamento. Ai due corridoi sarà consentito soltanto l’accesso agli appartenenti alle due fasce orarie e agli stessi sarà inoltre consegnato un numero elimina code, così come già avviene, per potersi allontanare e non perdere comunque la priorità.

All’interno della struttura sono state incrementate le reception per l’accettazione da 3 a 5 ed è in corso da parte dell’Ufficio Tecnico aziendale la creazione di una seconda Sala di Osservazione.

Sempre all’interno, infine, si sta provvedendo ad incrementare i posti a sedere e la dotazione di sedie a rotelle.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684