Stopglobalwarming, aderiscono cinque comuni siciliani, ecco quali - QdS

Stopglobalwarming, aderiscono cinque comuni siciliani, ecco quali

web-dr

Stopglobalwarming, aderiscono cinque comuni siciliani, ecco quali

web-dr |
martedì 16 Febbraio 2021 - 11:23

La campagna internazionale nata dall’idea di 27 premi Nobel ha l’obiettivo di combattere i cambiamenti climatici e spingere verso lo sviluppo economico sostenibile per città e aree metropolitane

Combattere i cambiamenti climatici e spingere verso l’affermazione di un modello di sviluppo economico sostenibile per le città e le aree metropolitane. Anche i sindaci siciliani entrano nella rete di ‘Clima Comune’, lo strumento operativo che coinvolge già 65 sindaci a livello nazionale a sostegno di stopglobalwarming.eu, la campagna internazionale nata dall’idea di 27 premi Nobel e portata avanti mediante un’iniziativa civica europea (ICE) dall’esponente radicale Marco Cappato e altri attivisti con la finalità di spostare le tasse dal lavoro all’inquinamento. Ridurre cioè le imposte sui redditi più bassi per inasprire invece la fiscalità sulle emissioni di CO2 e il consumo delle risorse ambientali. Nell’unione di primi cittadini contro il riscaldamento globale si contano al momento cinque sindaci siciliani. Sono quelli di Palermo, Isola delle Femmine, Montelepre, Castellammare del Golfo e Grotte.

Marco Cappato

Una partita
decisiva, quella del clima, per la quale non c’è più tempo da perdere. Urge
infatti fare in modo che la variazione della temperatura del pianeta non superi
il limite di 1,5 gradi in più rispetto a quella dell’epoca pre-industriale. Si
tratta di uno dei più importanti obiettivi di sviluppo sostenibile (tra
i 17 in tutto, articolati in 169 target) fissati da Agenda 2030, il programma d’azione sottoscritto nel 2015 da 193 Paesi membri
dell’Onu, poco prima della Conferenza di Parigi sul clima. Indispensabile
quindi perseguirlo attraverso atti amministrativi finalizzati a
affermare un nuovo modello di sostenibilità.

“Al di là delle politiche che il premier Mario
Draghi
vorrà e saprà attuare nel nuovo esecutivo, questa è una battaglia di
sensibilizzazione e consapevolezza per far respirare le nostre città e lasciare
ai nostri figli un Paese sano anziché rischiare conseguenze nefaste – dice Vincenzo
Campo
, coordinatore dei sindaci per stopglobalwarming.eu. Significa perciò
un’attenzione maggiore al verde urbano, alle opere di manutenzione e
all’efficienza dei trasporti locali, visto che con la pandemia sono cambiate le
logiche di vivibilità e degli stessi servizi offerti dalle amministrazioni”.

Vincenzo Campo

Un appello, quello
dello spostamento della leva fiscale, che si spera avrà eco e diffusione in
particolare all’interno di un contenitore di beni naturalistici e culturali
come la Sicilia. “Per questo auspichiamo che si estenda anche a livello di
parlamento e governo siciliano”, sottolinea Campo.

Montelepre

Tra i comuni
isolani che lo hanno recepito e lo stanno applicando con efficienza, c’è
Montelepre, seimila abitanti su un’area urbana di 9 chilometri quadrati, a 25
chilometri da Palermo. In questo minuscolo territorio, dotato di un bel parco
urbano di oltre due ettari ricco di piante mediterranee, le iniziative in
difesa dell’ambiente danno riscontri incoraggianti. “Abbiamo chiuso il 2020 con
il 78% di raccolta differenziata, raggiungendo negli scorsi anni punte mensili
dell’88 per cento – argomenta la sindaca Maria Rita Crisci. Risultati
ottenuti con la raccolta porta a porta, ma anche con iniziative di forte
riduzione dell’utilizzo della plastica”.

Montelepre può a
buon diritto definirsi come un comune plastic
free
. Due anni fa l’amministrazione ha installato una piccola ‘Casa
dell’acqua’, ossia un erogatore per la vendita diretta al consumatore di acqua
potabile microfiltrata e refrigerata, sia naturale che gasata (al prezzo di 5
centesimi di euro al litro per l’acqua naturale e di 6 centesimi per quella
frizzante), funzionante con una tessera prepagata ricaricabile. Unica
condizione per fruirne, riempirvi solo bottiglie in vetro. “Un’iniziativa che
ha prodotto fin da subito eccellenti risultati comportamentali tra i cittadini
– sottolinea Crisci -. Inoltre, grazie a
un finanziamento di 1milione di euro ottenuto dai fondi strutturali comunitari
avvieremo lavori di ampliamento dell’illuminazione pubblica e di allocazione di
alcune colonnine di ricarica e acquisteremo scuola bus e mezzi pubblici
elettrici”.

Palermo

Più complessa e
problematica la situazione delle città siciliane più grandi, a cominciare dai
capoluoghi di provincia, in forte ritardo sul fronte delle pratiche
‘virtuose’. In un momento internazionale
che sollecita interventi strutturali definitivi, Palermo, gioca comunque la sua
difficile partita, segnata da ritardi e disagi. Il comune ha definito il Paesc
(Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima) e il nuovo piano
regolatore generale del 2025, ispirandolo da una parte alla filosofia delle green way, ovvero le linee della mobilità sostenibile, del
recupero del patrimonio edilizio e della valorizzazione delle aree verdi, dall’altra
a quella delle blue way, basata sul recupero
della costa, la depurazione del mare e la costruzione di vie d’acqua per migliorare
la mobilità.

Leoluca Orlando

Tra i progetti in
via di realizzazione, l’ampliamento della ferrovia metropolitana che, una volta
realizzato l’‘anello’ e il ‘passante’, offrirà 17 fermate all’interno della
cinta urbana. A ciò si aggiungono i recenti, ma contestatissimi, tracciati
ciclabili, e i servizi del taxi sharing
e del car sharing pubblico, uno dei
più grossi d’Italia. “Abbiamo inoltre stabilito il divieto di utilizzo di
plastica in tutte le strutture comunali”, dice il sindaco Leoluca Orlando,
che aggiunge: “Occorrono interventi strutturali e definitivi da includere
necessariamente nel Recovery Plan perché il cambio culturale che viene spinto
dalla campagna stopglobalwarming.eu conviene non solo in termini di qualità
della vita ma anche economici”.

In questi mesi –
puntualizza Orlando – il Covid ha fatto crescere l’attenzione per il diritto
alla salute, direttamente legato alla tutela dell’ambiente. E da molto più
tempo lo fa il fenomeno migratorio, del quale una delle principali cause è il
divario economico legato alla crescente desertificazione dei territori”.

Il
capoluogo siciliano continua però a distinguersi per l’inefficienza della
raccolta dei rifiuti
, con stupefacenti accumuli d’immondizia lunghi anche
decine di metri ai fianchi dei cassonetti, non solo nelle zone periferiche
della città. E, insieme con gli altri capoluoghi di provincia siciliani,
contribuisce a abbassare notevolmente la media regionale della raccolta
differenziata. Nel 2020 questa si è attestata al 38,5% (dato comunque in
crescita di 9 punti rispetto al 2018). Su questo fronte l’area metropolitana di
Palermo, con il 29% di differenziata è il fanalino di coda nazionale.

Si
allunga la lista degli aderenti all’iniziativa

Stefania Spampinato

La
lista degli aderenti a stopglobalwarming.eu va intanto allungandosi in ambiti
diversi. Mentre dall’avvio dell’iniziativa, 10 mesi fa, il parterre dei sindaci fa registrare anche i nomi di Virginia Raggi,
prima cittadina di Roma, di Dario Nardella, sindaco di Firenze e presidente di
Eurocities, e, tra i tanti altri, del sindaco di Bergamo Giorgio Gori e di
Luigi De Magistris e Antonio Decaro, sindaci di Napoli e di Bari, include anche
diversi rappresentanti del mondo dello spettacolo e della comunicazione. Per
esempio cantanti come Elisa, Nina Zilli, Fedez, il regista Gabriele Muccino, il
fotografo Oliviero Toscani e, tra gli attori, anche il palermitano Pif e la
catanese Stefania Spampinato, nota per il suo ruolo nel serial americano Greys
Anatomy.


Antonio Schembri

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684