Le strategie del Comune di Caltanissetta per ripartire in sicurezza - QdS

Le strategie del Comune di Caltanissetta per ripartire in sicurezza

redazione

Le strategie del Comune di Caltanissetta per ripartire in sicurezza

venerdì 11 Giugno 2021 - 00:00

L’Amministrazione comunale ha annunciato delle modifiche alla disciplina sui dehors per favorire le attività commerciali e garantire allo stesso tempo il rispetto delle misure anti Covid

CALTANISSETTA – “Si riparte in sicurezza, nel pieno rispetto di tutte le regole anti Covid. Il Comune risponde alle riaperture garantendo spazi aperti a sufficienza per poter garantire il normale svolgimento delle attività. Chiediamo a gran forza a tutta la città di frequentare i locali nel massimo rispetto per se stessi e per gli operatori. Non dobbiamo più richiudere, questo è il nostro slogan. Basta chiusure, apriamo in sicurezza, aiutiamoci, aiutiamoli”. Così il vice sindaco e assessore alle Attività commerciali, Maria Grazia Giammusso, si è espressa in merito alle riaperture, annunciando anche l’adeguamento della disciplina vigente sui dehors.

Gli esercizi interessati alla collocazione di dehors e delle strutture comprese (tavoli, sedie, arredi, pedane) dovranno inviare una comunicazione al Suap (suap@pec.comune.caltanissetta.it), secondo il modello previsto e senza bollo, con la quale si informa l’Ente della volontà di occupare il marciapiede, l’area pedonale o la sede stradale non soggetta a transito e sosta di veicoli. Nella richiesta occorrerà allegare una planimetria quotata a firma di tecnico abilitato, con la superficie occupata; il posizionamento di tavoli, sedie, pedane; le delimitazioni con la dimostrazione del distanziamento di un metro tra le sedute e la garanzia dello spazio libero per i pedoni tra l’edificio e il dehors.

Lo spazio dovrà essere di due metri se l’occupazione è al di fuori dal centro storico oppure di 1,20 metri nel caso in cui avvenga dentro il centro storico. Inoltre dovrà essere garantito, nel caso di occupazione di spazi pubblici antistanti due attività commerciali contigue, uno spazio libero di 1,50 metri per il passaggio dei pedoni. Le aree devono essere perimetrate con elementi anche di arredo a garantire idonea sicurezza. Tutti gli arredi devono costituire un insieme armonico per garantire un’immagine omogenea e di qualità del contesto.

Nel caso in cui i tavoli occupino parti di sedi stradali o la chiusura delle sedi stradali la loro collazione sarà favorita qualora sia possibile individuare un percorso che non pregiudichi la circolazione stradale attraverso la istituzione e realizzazione di “micropedonalizzazioni”, cioè aree dove risulta vietata la sosta ed il transito veicolare anche per periodi di tempo limitato o “zone trenta” cioè aree omogenee dove è istituito il limite di velocità di trenta chilometri orari.

Per gli operatori commerciali che intendano, anche attraverso una rete di imprese, presentare i cosiddetti “Progetti di strada” per occupare spazi diversi da quelli nelle adiacenze della loro attività, si esamineranno le richieste in ragione della fattibilità.

L’occupazione dovrà essere limitata alle ore di apertura dell’esercizio commerciale e alla fine di ogni giornata deve essere lasciato libero lo spazio pubblico occupato, ripulito da eventuali rifiuti e opportunamente sanificato ad eccezione di eventuali pedane o elementi di separazione dalle carreggiate stradali.

Per aumentare il distanziamento tra le persone e tra i tavoli si potrà prevedere l’occupazione di spazi verde con l’assoluto divieto di danneggiare la vegetazione arborea presente e a condizione che l’operatore economico si impegna. Al termine dell’occupazione o dell’emergenza sanitaria lo spazio occupato dovrà essere riportato nelle condizioni iniziali e migliorato con l’inserimento di ulteriori spazi verdi (piante, fiori, ecc…).

Tra le novità, chi vuole richiedere lo stesso spazio dell’anno precedente dovrà mandare l’email al Suap indicando “conforme all’istanza n°…” e precisando l’istanza precedente in modo da velocizzare l’iter.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684