Tangenziale di Agrigento, al via il primo dibattito pubblico: tre alternative

Tangenziale di Agrigento, al via il primo dibattito pubblico: tre possibili alternative

web-pv

Tangenziale di Agrigento, al via il primo dibattito pubblico: tre possibili alternative

Irene Milisenda  |
martedì 24 Maggio 2022 - 15:42

I prossimi appuntamenti sono programmati per i giorni di 13 e 14 giugno con i tavoli territoriali ad Agrigento, Favara-Joppolo Giancaxio, Porto Empedocle-Realmonte, Siculiana-Montallegro

Primo incontro sul dibattito pubblico che riguarda la “Tangenziale di Agrigento”, un’arteria inserita nell’itinerario Gela-Agrigento-Castelvetrano che prevede un percorso di 170 chilometri per un valore economico stimato intorno ai 6 miliardi di euro. Nel corso della prima conferenza sono stati presentati gli obiettivi e le diverse alternative di progettazione dell’opera, alla presenza delle istituzioni territoriali, delle autorità nazionali e regionali, dei rappresentanti di Anas, in qualità di ente attuatore, del gruppo di progettazione e del team di coordinamento del dibattito pubblico.

Le alternative

Ad illustrare le caratteristiche e le fasi del processo di partecipazione nonché le diverse possibilità d’intervento a disposizione dei cittadini e delle istituzioni locali è stato Gildo La Barbera di STEP, Coordinatore del Dibattito Pubblico.

“Sul tavolo ci sono tre alternative già studiate, poi da questo dibattito si sceglierà quale è la soluzione migliore possibile per partire con il progetto, che una volta realizzato, concorrerà allo sviluppo economico e sociale delle molteplici comunità e offrirà un servizio di mobilità di persone e di merci, sicuro, innovativo e promotore di un modello di sviluppo orientato alla sostenibilità ambientale e sociale”, ha affermato Raffaele Celia, Responsabile Struttura Territoriale Anas Sicilia.

Parla Cancelleri

Oltre ai rappresentanti di Anas, in qualità di ente attuatore, è intervenuto al dibattito pubblico, anche il sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri che ha dichiarato: “Questo è il primo passo concreto per cominciare a realizzare questa opera. Partiremo, nella realizzazione delle infrastrutture, dalle due estremità laterali della strada principale, la tangenziale di Gela da un lato e la Castelvetrano – Sciacca dall’altro, per poi lavorare anche per la tangenziale di Agrigento. Su quest’ultima, in sinergia con la Regione, abbiamo completato il progetto di fattibilità tecnico-economico per un valore di circa 14 milioni di euro”, ha dichiarato Cancelleri.

I prossimi appuntamenti sono programmati per i giorni di 13 e 14 giugno con i tavoli territoriali ad Agrigento, Favara-Joppolo Giancaxio, Porto Empedocle-Realmonte, Siculiana-Montallegro. Gli esiti finali del dibattito verranno resi noti il 2 Agosto ad Agrigento.

Nel dettaglio le alternative che andranno ad essere prese in esame sono tre:

Alternativa 1

Prevede la realizzazione di un nuovo tracciato di circa 36,4 km, tutto in variante all’attuale SS115 e con una sezione a doppia carreggiata e due corsie per senso di marcia e di una nuova bretella di circa 8 km che collega la nuova tangenziale con la via storica (SS115) fra gli abitati di Siculiana e Realmonte. La bretella è prevista a singola carreggiata con una corsia per senso di marcia.

Alternativa 2B

Prevede la riqualificazione del tratto di statale 115 esistente fra Montallegro e Siculiana con caratteristiche proprie di una strada a singola carreggiata a una corsia per senso di marcia e la realizzazione del tratto in variante alla statale 115 di sviluppo ridotto rispetto all’alternativa 1 e pari a 27,2 km, ma con una medesima sezione composta da due carreggiate a due corsie per senso di marcia.

Alternativa 2

Si compone di un primo tratto che, oltre a recuperare l’attuale sedime della SS115 sino alle porte di Siculiana, crea una variante planimetrica dello sviluppo di circa 3,2 km, allo scopo di mantenersi all’esterno dell’area edificata di Siculiana e di un secondo tratto che, analogamente alle altre alternative, realizza la vera e propria Tangenziale di Agrigento con una strada a due corsie per senso di marcia e lo sviluppo di 26,8 km.

Irene Milisenda

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684