Tornano le piogge e Catania subito si allaga, danni nella Zona industriale - QdS

Tornano le piogge e Catania subito si allaga, danni nella Zona industriale

redazione

Tornano le piogge e Catania subito si allaga, danni nella Zona industriale

martedì 15 Settembre 2020 - 00:00

CATANIA – Intense piogge accompagnate da forti raffiche hanno causato diversi danni in città e in provincia. Oltre 50 gli interventi espletati ieri dai Vigili del Fuoco del Comando provinciale etneo soprattutto per salvare persone rimaste bloccate nelle auto in panne e per allagamenti in abitazioni e locali a piano terra o sotto il livello stradale. Ad essere colpita è stata l’intera area metropolitana di Catania ed in particolare il Villaggio Santa Maria Goretti e la Zona Industriale, dove alcune aree sono diventate impraticabili perché completamente sommerse dall’acqua. Il maltempo ha interessato anche i paesi pedemontani come Gravina, San Pietro Clarenza, Mascalucia, San Giovanni la Punta, Trecastagni e Belpasso, oltre alla zona di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia.

“Non ci sono parole per definire questa vergogna – ha commentato Saro Pappalardo, segretario generale del sindacato Fismic Catania, che si è soffermato soprattutto sui disagi nella Zona industriale – I pericoli a cui si è costretti tutte le volte che piove, il rischio di avere incidenti, di farsi male, di rovinare le automobili o di rimanere bloccati in mezzo a veri e propri laghi non può che suscitare indignazione”.

Su tutte le furie anche la Cisl che parla di “allarmi rimasti inascoltati”. “Dopo tanto parlare e alcuni interventi effettuati dell’Irsap – sottolinea il segretario Maurizio Attanasio, insieme con i segretari delle federazioni di settore – nessuno ha fatto più niente mentre occorre fare di più. Nel mese di giugno sarebbe dovuto partire il cantiere dell’appalto finanziato dal ‘Patto per il Sud’ per un finanziamento di 2 milioni 303 mila euro per tutte le infrastrutture e le pertinenze presenti nell’area”.

“Non si può andare avanti così! Da tempo – aggiungono – diciamo che nella zona industriale gli interventi di manutenzione e messa in sicurezza devono scaturire da una intesa sinergica di tutti gli enti coinvolti, Regione-Comune-Città metropolitana, per poter operare su strade e torrenti, ciascuno per la propria competenza e in modo efficace. Così – concludono – si vanifica ogni sforzo per attrarre nuovi insediamenti industriali, non si tutela l’occupazione e non si programma alcuna azione di sviluppo per la nostra provincia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684