Trivellazioni nella Val di Noto, M5s: “Musumeci revochi decreto Cordaro” - QdS

Trivellazioni nella Val di Noto, M5s: “Musumeci revochi decreto Cordaro”

redazione

Trivellazioni nella Val di Noto, M5s: “Musumeci revochi decreto Cordaro”

sabato 10 Agosto 2019 - 05:00
Trivellazioni nella Val di Noto, M5s: “Musumeci revochi decreto Cordaro”

Stefania Campo ha presentato un’interrogazione urgente all’Ars nella quale si chiede di verificare eventuali violazioni del Piano paesaggistico regionale di Siracusa e Ragusa

PALERMO – “Le trivellazioni petrolifere nel Val di Noto stridono nettamente con il Piano paesaggistico regionale, che relativamente a questi territori vieta qualsiasi manufatto, struttura e installazione che possa alterare l’equilibrio naturale del territorio ibleo”.

A sostenerlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Stefania Campo, che ha presentato un’interrogazione urgente all’Ars, rivolta al presidente della Regione e all’assessore regionale all’Ambiente, nella quale si chiede di verificare eventuali violazioni del Piano paesaggistico regionale di Siracusa e Ragusa, in seguito alla proposta di intervento avanzata dalla Panther Eureka Srl (oggi “Maurel et Prom Italia Srl), la compagnia petrolifera texana che vuole procedere a un rilievo geofisico all’interno del permesso di ricerca idrocarburi “Fiume Tellaro”.

Campo chiede inoltre al governo regionale se non intenda revocare in autotutela o annullare d’ufficio il recentissimo decreto assessoriale, datato 5 luglio 2019, che ha espresso esito positivo alla procedura di ‘screening’ della Via (Valutazione di incidenza ambientale) della proposta di intervento presentata della ditta. “L’area in questione – prosegue Campo – è parte integrante del costituendo Parco nazionale degli Iblei, il cui iter istitutivo è stato già avviato, quindi il Decreto assessoriale del 5 luglio potrebbe incorrere non solo nel vizio di violazione di legge, ma anche in quello di illogicità e contraddittorietà dell’azione amministrativa”.

Sulla vicenda intervengono anche gli altri deputati M5S della Commissione Ambiente dell’Ars. “Il presidente Musumeci – ricorda Giampiero Trizzino – dice che è colpa del governo nazionale, quando invece il ministro per l’Ambiente, Sergio Costa, proprio in materia di trivellazioni ha dato un segnale molto chiaro bloccando oltre quaranta nuovi permessi di trivellazioni off shore nel mar Mediterraneo. Su quelle di terra però la competenza è della Regione, che dovrebbe attenersi alla linea del governo nazionale. Musumeci dimostri quindi concretamente la sua ‘contrarietà’ revocando in autotutela il Decreto assessoriale di Cordaro”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684