Guerra in Ucraina, Shell acquista petrolio russo, “Profitti andranno a rifugiati” - QdS

Guerra in Ucraina, Shell acquista petrolio russo, “Profitti andranno a rifugiati”

web-mp

Guerra in Ucraina, Shell acquista petrolio russo, “Profitti andranno a rifugiati”

web-mp |
domenica 06 Marzo 2022 - 09:45

La compagnia era stata criticata dal ministro degli Esteri ucraino per aver comprato petrolio russo a basso costo

La guerra all’Ucraina non fa bene neanche al petrolio russo. Sotto minaccia di sanzioni sull’export di idrocarburi, il greggio di Putin vede già farsi terra bruciata intorno e chi lo importava preferisce oggi non rischiare denaro né consegne e si rivolge altrove.

Così il petrolio “Ural”, peraltro “pesante” e meno facile da lavorare rispetto ad altri “light” che sono “più flessibili”, spiegano gli esperti, perde valore.

Ma se tanti non lo vogliono c’è chi come Shell ne ha approfittato acquistando un carico “in svendita”, a prezzi molto inferiori alle quotazioni di mercato.

“Non sentite l’odore del sangue ucraino nel petrolio russo?”

E’ stata questa la domanda del ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba twittata alla multinazionale britannica. “Invito tutte le persone coscienziose in tutto il mondo a chiedere alle multinazionali di tagliare tutti i rapporti commerciali con la Russia” l’appello di Kuleba.

La replica della Shell

Shell ha poi spiegato che l’acquisto è avvenuto dopo “aver avuto intensi colloqui con i governi”, senza precisare quali, e che sta cercando “alternative al petrolio russo dove possibile”. E’ stato valutato anche il fatto di non interrompere il flusso di petrolio alle raffinerie e ai clienti finali in tutta Europa nelle prossime settimane.

La questione energetica

Sulla questione energetica, il numero uno del gigante delle auto elettriche Tesla, Elon Musk, ha twittato: “Odio doverlo dire ma dobbiamo aumentare la produzione di petrolio e gas immediatamente. Tempi straordinari richiedono misure straordinarie” aggiungendo che “ovviamente questo avrebbe un impatto negativo su Tesla, ma soluzioni di energia sostenibile non possono reagire istantaneamente per compensare le esportazioni di petrolio e gas russo”.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001