Parità di genere, le donne sconfiggeranno gli stereotipi con l'esempio - QdS

Parità di genere, le donne sconfiggeranno gli stereotipi con l’esempio

redazione

Parità di genere, le donne sconfiggeranno gli stereotipi con l’esempio

Antonio Licitra e Patrizia Penna  |
sabato 04 Giugno 2022 - 06:30

In esclusiva per il Quotidiano di Sicilia, è intervenuta Rossana Berardi, presidente di Woman For Oncology, che ha spiegato, tra le altre cose, il role model e le sue funzionalità

Il dibattito sulle pari opportunità continua, purtroppo, a girare a vuoto. Tante parole, pochi fatti. Non a caso, l’Italia si posiziona al 63° posto nel mondo e al 19° tra le 22 nazioni dell’Europa occidentale sulla strada verso la parità di genere.

Ci siamo spesso interrogati sulla possibilità di un superamento del gender gap grazie alle ingenti risorse messe a disposizione dal Pnrr ma ai buoni propositi si contrappone sempre la dura verità: i soldi da soli non potranno mai colmare un gap che è principalmente culturale e la Costituzione italiana e le leggi, pur essendo la nostra bussola per affrontare i problemi di oggi e di domani, hanno sancito principi di uguaglianza che purtroppo sono rimasti sulla carta.
La strada da imboccare è un’altra e dobbiamo fare in fretta: occorre mobilitare le energie femminili per aiutare le donne a raggiungere il loro pieno potenziale di vita.

Più dei soldi, più delle leggi inapplicate e dei teoremi su quote rosa e sulle clausole nei bandi pubblici per favorire la partecipazione delle donne al mondo del lavoro, la strada giusta potrebbe essere rappresentata dagli esempi virtuosi di empowerment femminile.

Stiamo parlando del role model: un esempio di vita o di lavoro che viene individuato come punto di riferimento e orienta le scelte individuali.
Vissuta tra il 1867 e il 1934, ad esempio, Marie Curie è considerata la prima scienziata donna della storia… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

LEGGI ANCHE

La storia di Anna, esempio di coraggio

Un modello sano e solido per “ricostruire” il proprio essere

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684